Ambiente, linee aeree chiedono taglio emissioni, fondo sul clima

martedì 9 giugno 2009 10:33
 

SINGAPORE (Reuters) - Alcune delle maggiori linee aeree del mondo si sono appellate oggi al settore perché imponga dei limiti alle emissioni globali consentite, come parte di un progetto volto a includere l'aeronautica nel più ampio accordo sul clima che sarà approvato alla fine dell'anno.

Le sette compagnie aeree, tra cui Air France/KLM e British Airways, insieme alla Ong The Climate Group, hanno presentato una serie di obiettivi di riduzione delle emissioni che dovranno essere valutati dai negoziatori coinvolti nelle trattative delle Nazioni Unite sul clima.

L'industria aeronautica è responsabile di circa il 2% dei gas serra inquinanti a livello globale, ma la percentuale è destinata a crescere.

Il settore è stato esortato da gruppi ambientalisti, Unione europea e altri governi affinché si impegni in favore dell'ambiente, guidando le compagnie aeree a trovare un accordo per controllare le emissioni, se non vogliono rischiare che le riduzioni vengano loro imposte.

Le proposte saranno presentate ai negoziatori al vertice sul clima che si terrà questa settimana a Bonn, in Germania.

Le compagnie, che fanno parte dell'Aviation Global Deal Group, hanno detto in una nota che l'inserimento nel mercato di scambio delle emissioni, è fondamentale per il raggiungimento dei propri obiettivi.

Gli altri membri del gruppo sono Cathay Pacific, Virgin Atlantic , l'operatore aeroportuale Baa, Finnair, Qatar Airways e Virgin Blue Airlines.

I delegati di quasi 200 paesi si incontreranno alla fine dell'anno nella capitale danese Copenhagen per trovare un accordo sul clima che sostituisca il Protocollo di Kyoto delle Nazioni Unite, la cui prima fase terminerà nel 2012.

 
<p>Immagine d'archivio. REUTERS/Luke MacGregor (BRITAIN TRANSPORT BUSINESS)</p>