Misteri su morte Carradine, famiglia chiede intervento Fbi

domenica 7 giugno 2009 12:47
 

BANGKOK/LOS ANGELES (Reuters) - La famiglia dell'attore David Carradine ha chiesto l'aiuto delle autorità Usa per chiarire il mistero della sua morte, mentre arrivano notizie contrastanti sulle condizioni in cui versava il cadavere in un albergo di Bangkok.

Mark Geragos, un legale di Los Angeles che rappresenta Keith Carradine, il fratello, ha detto ieri che la famiglia ha contattato il Federal Bureau of Investigation e ha presentato una formale richiesta perché l'FBi contatti le autorità in Thailandia per ottenere ulteriori informazioni.

"Lo hanno fatto a causa delle notizie contrastanti e della natura di quelle notizie, che hanno fatto molto esitare la famiglia", ha detto Geragos a Reuters.

Le ipotesi sulla morte di Carradine, 72 anni, protagonista negli anni 70 della famosa serie tv Usa "Kung Fu" e più recentemente dei due film "Kill Bill", si sono moltiplicate dopo la scoperta del suo cadavere giovedì scorso in un hotel di Bangkok, città in cui stava girando il film "Stretch".

Mentre si attendono i risultati degli esami tossicologici, i media thailandesi hanno parlato di suicidio o asfissia accidentale a causa di un gioco erotico. Alcuni media hanno detto che Carradine aveva una corda attorno al collo e un'altra attorno ai genitali, altri che le mani dell'uomo erano legate dietro la schiena. Non è stato possibile confermare nessuna di tali notizie.

L'avvocato Geragos ha detto che la famiglia di Carradine non dispone di altre informazioni rispetto a quelle pubblicate, ed è questo il motivo per cui ha chiesto l'intervento dell'FBI.

Intanto il cadavere dell'attore è stato rimpatriato ieri in aereo, mentre la famiglia ha incaricato un anatomopatologo di esaminarlo.

 
<p>L'attore Keith Carradine (a sinistra), posa con il fratello David Carradine, nel 25mo anniversario del film "Nashville" a Beverly Hills, California, il 22 giugno 2000. REUTERS/Rose Prouser/Files</p>