Calcio europeo cresce nonostante crisi, Liga supera Serie A

giovedì 4 giugno 2009 16:51
 

MILANO (Reuters) - Il mercato europeo del calcio è cresciuto di un miliardo di euro toccando quota 14,6 miliardi la scorsa stagione, trainato dall'effetto positivo degli Europei, ed è destinato a crescere entro il 2010 sebbene a ritmo più lento, nonostante la crisi economica.

E' lo scenario che emerge dal rapporto annuale di Deloitte sulla finanza nel calcio ("Annual Review of Football Finance 2009"), in base al quale la Serie A, che si segnala come la Federazione a più veloce crescita a livello europeo, resta terza per ricavi tra le "big five" europee.

Se difatti la Serie A ha visto crescere i ricavi totali del 34% a 1,4 miliardi nella stagione 2007/08, la Primera Liga spagnola ha raggiunto la Bundesliga tedesca al secondo posto della classifica, favorita dalla crescita dei ricavi di Real Madrid e Barcellona.

Il posizionamento della federazione spagnola è destinato a consolidarsi nella prossima stagione dopo la vittoria del Barcellona nella Champions League, spiega Deloitte.

La Premier League britannica ha registrato utili operativi record, pari a 234 milioni di euro -- grazie anche a nuovi accordi sui diritti televisivi e nonostante il deprezzamento della sterlina nei confronti dell'euro -- ritornando in vetta quale Federazione più profittevole e scalzando la Bundesliga che era prima nella stagione 2006/07.

SERIE A TRA ALTI E BASSI

Guardando nel dettaglio la Serie A, la stagione 2007/08 ha registrato un aumento del fatturato su tutti i fronti: del 33% dai diritti televisivi, del 31% dalla vendita dei biglietti e del 36% per i diritti commerciali.

"Tale miglioramento è principalmente dovuto al ritorno in serie A della Juve", commenta nella nota Dario Righetti, partner di Deloitte e responsabile del Consumer Business in Italia.

Il passaggio alla contrattazione collettiva dei diritti TV della Serie A dalla stagione 2010/11 comporterà con molta probabilità una riduzione dei ricavi delle squadre più importanti, spiega il rapporto, anche se nel lungo periodo ciò dovrebbe comportare un miglior equilibrio tra le disponibilità economiche di tutte le squadre.   Continua...