Milan, Berlusconi: decisione su Kakà lunedì, Pato no

mercoledì 3 giugno 2009 21:52
 

ROMA (Reuters) - La decisione sul futuro del fantasista del Milan, Kakà, sarà presa lunedì, secondo il presidente del Consiglio e patron del cub calcistico, Silvio Berlusconi, che però ha escluso la vendita dell'attaccante Pato al Chelsea.

"Parlerò con Kakà lunedì prossimo e lunedì potrò dire le decisioni prese. E' presto per pensare al dopo", ha detto Berlusconi nel corso della registrazione del programma tv Rai "Porta a Porta".

"Cerco di distinguere il calcio dalle cose che interessano gli italiani. Posso dire solo che eravamo attaccatissimi a Sheva. Quando è arrivata una offerta che non potevamo eguagliare, pur avendo con lui una grande amicizia [...] io ho fatto tutto ciò che potevo per convincerlo ma alla fine ho lasciato decidere a lui. Sono sempre i nostri ragazzi che devono decidere dove vogliono giocare", ha aggiunto il premier.

"Adesso vedremo, io non sono più presidente del Milan. Ma quando fa dei debiti qualcuno deve metterci i soldi, io ho questa funzione".

"Io speravo in un ritorno di Gourcuff che però ci ha chiesto di restare in Francia", ha concluso Berlusconi.

Il proprietario del club rossonero ha però escluso del tutto una eventuale vendita al Chelsea del giocatore brasiliano Alexandre Pato.

"Assolutamente no", ha risposto Berlusconi a margine della trasmissione a chi gli chiedeva se avesse intenzione di vendere Pato, che secondo i media è nel mirino del club londinese e del suo nuovo allenatore Carlo Ancelotti, tecnico del Milan fino a pochi giorni fa.

Secondo un giornale britannico, il proprietario del Chelsea Roman Abramovich avrebbe offerto 52 milioni di euro per l'attaccante.

Il Chelsea ha smentito stasera di aver fatto un'offerta per Kaka.

 
<p>Kaka durante un allenamento a Teresopolis, vicino a Rio de Janeiro. REUTERS/Sergio Moraes</p>