Usa, mostra su diritti gay accende dibattito su matrimoni omosex

martedì 2 giugno 2009 11:55
 

NEW YORK (Reuters) - La Biblioteca Pubblica di New York non avrebbe potuto scegliere un momento migliore per presentare la sua mostra "1969: The Year of Gay Liberation".

In pieno dibattito sui matrimoni omosessuali negli Stati Uniti, la biblioteca del centro di Manhattan ha aperto una mostra per celebrare il 40esimo anniversario dei cosiddetti moti di Stonewall, che hanno dato il via al moderno movimento per i diritti degli omosessuali negli Usa.

Foto, documenti e videoclip mostrano quello che all'epoca fu un avvenimento scioccante: donne e uomini omosessuali che dimostrano per i loro diritti civili, esponendosi, tra l'altro, ad un grande rischio.

La mostra gratuita durerà per tutto il mese di giugno.

"Noi tendiamo a dimenticare quanto siano stati decisi questi attivisti. Hanno rischiato le loro vite per questa causa. E' di questo che parla la mostra", ha detto Jason Baumann, il curatore dell'esibizione.

Cominciati intorno al 28 giugno 1969, i moti di Stonewall fanno riferimento ad una settimana di violenti scontri in Christopher Street nel Greenwich Village, tra i proprietari di un bar gay chiamato Stonewall e la polizia, che spesso aveva condotto retate nel locale, arrestando alcune persone, secondo le leggi morali dell'epoca.

Gli scontri, collegati anche ad una disputa tra la mafia, proprietaria del bar, e alcuni poliziotti corrotti, che chiedevano tangenti per la protezione, culminarono in un anno intero di proteste, al termine del quale ci fu il primo gay pride.

La mostra descrive la storia di gruppi come il Gay Liberation Front, le Radicalesbians e le Street Transvestites Action Revolutionaries, che scesero in piazza in un periodo in cui si protestava anche contro la guerra del Vietnam e i Black Panthers lottavano per i diritti degli afro-americani.

La mostra intende anche far ricordare quanta strada abbiano percorso gli omosessuali, i transgender e le persone bisessuali in questi 40 anni, al punto da poter lottare, attualmente, per rendere legali i matrimoni tra coppie dello stesso sesso.

Il Massachussets li ha resi legali nel 2004, e altri cinque stati hanno seguito questo esempio, sebbene la California li abbia invece bocciati con un referendum. Diversi stati, però, riconoscono le unioni civili omosessuali.

"E' il momento perfetto. E' di grande attualità", ha detto Baumann, parlando della mostra di New York. "Questa non è una strategia della biblioteca sul tema dei matrimoni. La biblioteca crede solamente che la storia di questo movimento meriti di essere mostrata. E' un argomento che la gente deve conoscere".

 
<p>Una foto del 1970 in mostra a New York. REUTERS/Diana Davies-NYPL/Handout</p>