"Lipari 1929",in un saggio-romanzo la storia della beffa al Duce

mercoledì 27 maggio 2009 17:42
 

ROMA (Reuters) - In una notte d'estate del 1929, dopo che i Patti Lateranensi avevano assicurato a Benito Mussolini il sostegno del Vaticano e prima che il crollo di Wall Street trascinasse con sé l'economia mondiale, tre uomini aiutati da poche altre persone consumarono una delle più grandi beffe mai compiute ai danni del regime fascista, evadendo dall'isola di Lipari, dov'erano stati confinati per le loro idee.

E' una storia quasi dimenticata, quella che ha per protagonisti Carlo Rosselli, Emilio Lussu e Francesco Fausto Nitti. Un episodio rocambolesco, dai risvolti surreali e in qualche caso divertenti, da spingere due diplomatici italiani quarantenni a farsi storici per passione. E a scrivere un documentatissimo libro di storia, montando insieme una serie di passi originali, che si legge però davvero come un romanzo, anche per un'azzeccata scelta grafica.

S'intitola "Lipari 1929 - Fuga dal confino" il libro scritto da Luca Di Vito e Michele Gialdroni e pubblicato la scorsa settimana dalla storica casa editrice Laterza.

Al volume Di Vito e Gialdroni -- il primo addetto culturale del ministero degli Esteri a Seul, il secondo a Stoccarda, in Germania -- hanno lavorato quattro anni, spesso scambiandosi email e telefonate a diversi fusi orari di distanza.

Tutto è nato, raccontano gli autori, dalla lettura di una memoria del giornalista e militante antifascista Alberto Tarchiani, in cui la fuga di Rosselli -- il teorico del socialismo liberale ucciso poi col fratello in Francia nel 1937 da killer assoldati dal regime fascista -- e dei compagni di confino Lussu e Nitti è raccontata in dettaglio, anche nei suoi risvolti più improbabili e divertenti.

I due hanno cominciato a lavorare sulle fonti, accumulando testi, ritagli di giornali pubblicati in vari paesi, visitando archivi. E pensando, contemporaneamente, a quale forma dare al racconto di un'evasione che diventerà un simbolo: quello che l'invincibile regime si può battere, se ci si impegna. Anche con la burla. Anche se fu proprio quella burla, ne sono convinti gli autori, a costare la vita a Rosselli otto anni dopo i fatti.

Però, "questa è una storia che finisce bene, che ha un happy ending", dice Gialdroni, che racconta anche la fatica dei due autori per trovare la migliore formula per scrivere il libro, se il romanzo storico, il saggio oppure, come è il caso di "Lipari 1929", una sorta di invenzione di genere, più simile a un documentario cinematografico, almeno nella facilità "grafica" con cui ci si accosta ai fatti.

Le oltre 350 pagine del volume si presentano come una narrazione continua, anche se in realtà si tratta di un collage di testi. Ci sono gli estratti dalle varie memorie dei protagonisti -- segnalate solo da una minuscola scritta a lato col nome dell'autore -- i telegrammi e gli stralci di relazioni delle varie autorità e ovviamente la voce narrante -- e discreta -- degli autori. Qui e lì, foto e disegni che insieme aiutano a capire e alleggeriscono il peso delle pagine.

Laddove non è possibile chiarire alcuni dettagli e particolari, Di Vito e Gialdroni avanzano qualche ipotesi o esprimono dubbi, ma non cercano mai di forzare i fatti, come farebbe un romanziere. Per esempio, dove si parla dei possibili aiuti che gli "evadendi" e i loro amici ricevettero da poliziotti corrotti o da figure di doppiogiochisti.

Alla fine, nel capitolo intitolato "Titoli di coda", si ricorda brevemente cosa sarà dei protagonisti di quell'avventura. Rosselli, che parteciperà anche alla guerra civile in Spagna, sarà ucciso nel '37. Lussu diventerà ministro nei primi governi dell'Italia liberata. Nitti continuerà a combattere fascisti e nazisti fino alla fine della II Guerra Mondiale.