Australia, in recessione opportunità nel settore bellezza

mercoledì 20 maggio 2009 12:02
 

By Pauline Askin

SYDNEY (Reuters) - In un momento particolarmente brutto per l'economia, i disoccupati australiani, uomini e donne, stanno cercando delle opportunità lavorative nel settore della bellezza.

Avon, la più grande società del mondo per quanto riguarda i prodotti di bellezza, ha reclutato più di 7.000 venditori porta a porta, solo nel mese di febbraio, in un momento in cui la recessione sta colpendo l'economia australiana e le percentuali dei senza lavoro stanno continuando a crescere.

L'azienda, che ha migliaia di rappresentanti in tutto il paese, ha reso noto che oltre alle casalinghe in cerca di un ulteriore introito, tra i suoi nuovi dipendenti si possono annoverare anche dirigenti donne e professioniste della finanza, oltre ad un numero sempre crescente di dipendenti uomini.

"La crisi economica ha generato un notevole incremento nei rappresentanti della Avon", ha detto a Reuters il pr e responsabile pubblicitario dell'azienda Michaela Groves.

"Abbiamo riscontrato una crescita nel tasso di donne licenziate dalle aziende finanziarie e che, quindi, hanno bisogno di nuovi introiti, ma anche donne che lavorano part-time e hanno bisogno di aumentare le entrate in un momento economicamente difficile".

Con l'economia in crisi, il numero dei disoccupati australiani è in crescita, con gli esperti che hanno già previsto un tasso di disoccupazione pari all'8,5% per il prossimo anno finanziario, record negativo degli ultimi 15 anni.

La Groves ha reso noto che, attualmente, i dipendenti uomini sono il 3% del totale, attratti comunque dalla possibilità di avere un lavoro, seppure in un campo generalmente dominato dalle donne.

I rappresentanti della Avon incassano una percentuale su ogni prodotto venduto, che può raggiungere anche il 50%, e l'azienda concede loro di lavorare seguendo ognuno il proprio ritmo. Una ricerca del 2008 dimostra che quattro australiane su dieci sono clienti Avon.   Continua...

 
<p>Fiera Avon in Colorado. REUTERS/Rick Wilking (UNITED STATES)</p>