Musica, Ramazzotti: prima o poi regalo un disco ai fan

venerdì 15 maggio 2009 11:37
 

di Ilaria Polleschi

MILANO (Reuters) - Il suo nuovo album "Ali e radici" deve ancora uscire ed è già triplo disco di platino, ma Eros Ramazzotti non esclude in futuro di poter letteralmente regalare ai suoi fan un disco, così come già hanno fatto alcuni suoi colleghi anglosassoni per contrastare la pirateria musicale.

Proprio per invogliare l'acquisto del suo nuovo cd, che uscirà il 22 maggio e che ha già venduto 210.000 copie in prenotazione, Eros ha pensato ad una confezione speciale: un vero e proprio libro fotografico di 64 pagine -- in versione ecologica, senza parti in plastica -- con immagini scattate da Bruce Weber.

"Un modo per dare qualcosa di tangibile e per evitare che la gente scarichi il disco gratis sul Web", racconta in un incontro con un gruppo ristretto di giornalisti nel suo quartier generale di Milano. "Ho speso tutto quello che potevo per fare un buon prodotto".

E se è vero che ormai i veri introiti per i cantanti arrivano dal merchandising e dai concerti, anche lui in futuro, come hanno invece fatto di recente, ad esempio, i Coldplay, potrebbe decidere di non far pagare un suo prossimo disco.

"Certo mi piacerebbe", ha spiegato a Reuters Eros, che nei suoi 25 anni di carriera ha venduto oltre 50 milioni di album. "Lo farei anche subito, se non avessi impegni con la casa discografica (la Sony, con cui deve fare ancora un album, ndr). Ma potrebbe succedere quando mi autoprodurrò completamente".

Quel che è sicuro che anche lui auspica una regolamentazione un po' più stretta di Internet -- perché se la gente "scarica" a rimetterci saranno poi le giovani generazioni di artisti -- e di un miglior uso della tecnologia, che come racconta in una delle sue nuova canzoni, "Parla con me" (che è già la più trasmessa dalle radio), può aiutare ad avvicinare le persone ma anche allontanarle irrimediabilmente.

"Computer e telefonini vanno usati, non bisogna farsi usare", spiega. "Dobbiamo fare in modo che avvicinino e andare a vedere dove creano i problemi". Il nuovo album -- che a giugno sarà premiato ai cosiddetti Oscar della musica, i "Wind music awards" -- mescola sonorità internazionali e stili diversi e racconta diversi tipi di amore: non solo quello romantico ma anche quello per gli altri e per la natura, non senza qualche punta di amarezza.

"Ai tempi di 'Terra promessa' (il brano degli anni 80 che l'ha lanciato a Sanremo) c'erano dei sogni da esaudire…adesso molto meno", racconta ancora. "E' una realtà che viviamo, adesso si consuma tutto molto più in fretta: non so da cosa dipenda…dallo Stato, da chi ci comanda, ora è tutto troppo gossip, troppo facile".   Continua...

 
<p>Immagine del cantante Eros Ramazzotti. REUTERS/Nikolay Doychinov (BULGARIA)</p>