Toscana, sequestrati 5 quintali cibi scaduti da Cina, Thailandia

giovedì 14 maggio 2009 12:05
 

ROMA (Reuters) - Le autorità hanno sequestrato in Toscana cinque quintali di alimenti scaduti e rietichettati provenienti dalla Cina e dalla Thailandia, come si legge in una nota del ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali.

"I prodotti, 400 confezioni tra pasta, riso, latte, carne, pesce, sughi e legumi, erano scaduti, rietichettati con una nuova data di scadenza, con scritte in cinese, in francese e in inglese ma non in italiano o addirittura sprovvisti di etichetta. Altri prodotti invece erano derivati da animali e piante in via d'estinzione per i quali è vietato il commercio", dice la nota.

Per il ministro Luca Zaia si tratta di "un altro sequestro in nome della tolleranza zero, il venticinquesimo dall'inizio del mio mandato. Altri campioni che metterò nel mio ‘frigo degli orrori'".

Il sequestro è avvenuto in seguito ad alcuni controlli di esercizi commerciali che ospitavano attività di stoccaggio, confezionamento e vendita di generi alimentari nei Comuni di Firenze e Sesto Fiorentino.

Ad effettuare i sequestri sono stati gli uomini del Corpo forestale dello Stato, della Polizia e dell'Ispettorato centrale per il controllo di qualità dei prodotti agroalimentari.

 
<p>Immagine d'archivio di confezioni di pasta sugli scaffali di un supermercato. REUTERS/Nigel Roddis (BRITAIN BUSINESS FOOD DRINK)</p>