Concerto al femminile per l'Abruzzo il 21 giugno a San Siro

giovedì 7 maggio 2009 18:44
 

di Diana Bin

MILANO (Reuters) - Laura Pausini insieme a oltre 50 artiste italiane si esibiranno in concerto a favore della popolazione terremotata dell'Abruzzo, il 21 giugno allo stadio San Siro di Milano.

Il concerto "Amiche per l'Abruzzo", patrocinato dal ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, è nato da un'idea della Pausini, che corona così il suo sogno di riunire le donne della canzone italiana, insieme a Elisa, Gianna Nannini e Fiorella Mannoia, le altre "madrine" del progetto.

"Questa è la prima volta che tante donne di grandissimo spessore artistico come le qui presenti, hanno dato la propria disponibilità a fare un grande gioco di squadra, e a promuovere un'iniziativa ... che ha uno sfondo di solidarietà concreta ... e che non ha nulla di politico", ha detto oggi a Milano il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini, durante la presentazione dell'evento.

Tra le moltissime artiste che finora hanno aderito, alcune in forma di partecipazione diretta, alcune solo come sostenitrici, ci sono Arisa, Malika Ayane, Loredana Berté, Raffaella Carrà, Carmen Consoli, Giorgia, Giusy Ferreri, Irene Grandi, Anna Oxa, Paola e Chiara, Antonella Ruggiero, Spagna, Ornella Vanoni, Iva Zanicchi.

I fondi raccolti dalla vendita dei biglietti saranno destinati principalmente alla ricostruzione della scuola elementare Edmondo De Amicis, che il ministro Gelmini ha definito "un simbolo dell'Aquila ... un punto di riferimento per la formazione di questo territorio", e che è stata fortemente danneggiata dal terremoto.

"Sono stata a vedere come vivono", ha raccontato Gianna Nannini, che nei giorni scorsi si è recata a Camarda, un paesino colpito dal sisma che si trova vicino a Onna, "... se uno vive vicino alle cose, sa gli aiuti che si possono dare".

Un'altra parte del ricavato sarà devoluto all'acquisto di case in legno e al sostegno in generale alla popolazione abruzzese, tramite la Onlus "Aiutiamoli a Vivere", associazione di volontariato che si occupa delle emergenze locali.

"Non volevamo creare imbarazzo o dividere gli uomini dalle donne", ha detto Pausini riferendosi al fatto che il concerto sarà completamente al femminile, "ma abbiamo semplicemente deciso di trovare un'idea che potesse richiamare molta gente, perché quello che vogliamo è dare molto denaro".   Continua...

 
<p>Immagine d'archivio della cantante Laura Pausini. REUTERS/Eric Gaillard (MONACO)</p>