Arte, impressionisti "in difficoltà" in prima asta di primavera

mercoledì 6 maggio 2009 08:26
 

NEW YORK (Reuters) - Le aste d'arte di primavera al via ieri non hanno registrato un buon inizio con l'evento organizzato da Sotheby's, riservato a opere degli impressionisti e a capolavori moderni, che ha raggiunto meno dei due terzi della cifra stimata prima del suo inizio.

Mentre l'80% dei 36 lotti all'asta ha trovato un acquirente, i due principali pezzi -- un ritratto di Picasso della figlia Maya a due anni e mezzo e il bronzo di Giacometti "Il gatto" -- non sono stati venduti.

Entrambi questi due capolavori avrebbero dovuto incassare, secondo le stime, dai 16 ai 24 milioni di dollari, e il fatto che siano rimasti invenduti ha bloccato l'incasso totale dell'asta a quota 61,37 milioni contro gli 81-118 stimati dalla casa d'aste.

Quelle di ieri erano le prime aste di opere d'arte organizzate a New York dalla crisi dei mercati finanziari dello scorso autunno.

Le aste proseguiranno oggi con quella di Christie's riservata ai capolavori degli impressionisti e di arte moderna, che secondo le previsioni dovrebbe raggiungere circa 95 milioni di dollari.

 
<p>Il dipinto di Picasso "La Fille de l'artiste a deux ans et demi avec un bateau" rimasto invenduto ieri all'asta. REUTERS/Andrew Winning</p>