Per l'Ocse francesi i più bravi nel dormire e mangiare

martedì 5 maggio 2009 12:39
 

Di Sophie Hardach

PARIGI (Reuters) - Tenendo fede alla loro reputazione di grandi amanti del tempo libero, i francesi sono risultati essere i cittadini che dormono e mangiano di più al mondo, tra i paesi economicamente sviluppati.

I francesi dormono in media nove ore a notte, più di un'ora in più rispetto a coreani e giapponesi, che chiudono questa speciale classifica, che riguarda 18 membri dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economic, che l'ha realizzata.

Dalla ricerca emerge inoltre che "gli uomini italiano hanno circa 80 minuti di tempo libero in più rispetto alle donne. Questo gap sembra dovuto al tempo speso dalle donne per pulire la casa", spiega in una nota l'Ocse.

Nonostante la loro famigerata "siesta", gli spagnoli si sono classificati solo al terzo posto, preceduti anche dagli americani, che dormono più di 8,5 ore a notte.

E mentre sempre più francesi sembrano preferire pranzare e cenare nei fast food o limitarsi ad un panino a lavoro, anche nella classifica del tempo speso per mangiare i transalpini ottengono il primato, con più di due ore al giorno spese per il cibo.

Questo significa che i pasti dei francesi durano, in media, più del doppio di quelli dei messicani, che usano, per mangiare, solo un'ora al giorno. La ricerca è stata condotta dalla "Society at a Glance" dell'Ocse, che si è dedicata ai paesi di Asia, Europa, Nord e Sud America.

I giapponesi, che dormono pochissimo e spendono tantissimo tempo per gli spostamenti e per lavoro, sono, però, terzi nella classifica delle ore dedicate al cibo, preceduti solo da francesi e neozelandesi.

Il poco tempo che rimane loro, i giapponesi amano dedicarlo alla tv o alla radio, che coprono il 47% del loro tempo libero.

I turchi, invece, spendono quasi un terzo del loro tempo libero con gli amici.

L'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico conta 30 membri. La ricerca copre solo i paesi per i quali erano disponibili sufficienti dati.