Primo maggio, scontri in Germania, Turchia e Grecia

venerdì 1 maggio 2009 15:17
 

BERLINO/ISTANBUL (Reuters) - Scontri tra manifestanti e polizia si sono registrati oggi in Germania, Turchia e Grecia per le celebrazioni di Primo maggio, festa dei lavoratori, mentre migliaia di persone hanno sfilato in Francia arrabbiate per la risposta del governo alla crisi finanziaria globale.

La crescente disoccupazione in tutta l'Europa ha aggiunto intensità alle varie marce per il Primo maggio.

A Berlino e Amburgo, nelle violenze sono rimasti feriti più di 50 poliziotti in tenuta anti-sommossa, mentre la polizia turca a Istanbul ha sparato con cannoni ad acqua e lacrimogeni per disperde i manifestanti nella città.

Anche in Grecia la polizia si è scontrata con i manifestanti anarchici.

Nella capitale tedesca, diversi bidoni della spazzatura sono stati dati alle fiamme mentre un'altra pacifica manifestazione di circa 2.000 persone stava terminando, ha spiegato la polizia. I dimostranti hanno lanciato bottiglie e pietre anche contro mezzi pubblici e auto e diversi vetri sono stati rotti alle fermate dei bus.

"Da una parte c'è anche gente per strada che protesta pacificamente contro la crisi economica e non c'è niente di male in questo", ha detto un portavoce della polizia tedesca. "Ma quando si bruciano auto e bidoni della spazzatura e si commettono altri reati...questo non ha niente a che fare con le proteste politiche".

A Istanbul, giovani hanno lanciato pietre e molotov contro la polizia e hanno rotto le vetrine di banche e supermercati, mentre la polizia ha sparato colpi di avvertimento vicino alla piazza Taksim, la principale della città.

Un portavoce della polizia ha detto che 68 manifestanti sono stati arrestati e 11 agenti sono rimasti feriti.

Gli uffici pubblici e i mercati finanziari sono chiusi oggi dopo che la Turchia ha dichiarato quest'anno il Primo maggio festa nazionale.   Continua...

 
<p>Gli scontri della notte a Berlino REUTERS/Fabrizio Bensch</p>