Per Organismo Salute animali "influenza suina" è nome scorretto

lunedì 27 aprile 2009 15:25
 

PARIGI (Reuters) - L'influenza che si sta diffondendo in tutto il mondo non deve essere chiamata "suina" dal momento che contiene componenti aviarie e umane e che finora non è stato riscontrato nessun caso di maiale affetto dal virus, secondo quanto riferito oggi dall'Organizzazione mondiale che si occupa della salute animale.

Un nome più adeguato potrebbe essere "Influenza nord-americana", un nome che deriva dal luogo in cui ha avuto origine il fenomeno proprio come l'influenza spagnola, una pandemia che ebbe origine animale e che ha ucciso oltre 50 milioni di persone tra il 1918 e il 1919.

"Il virus finora non è stato isolato negli animali. E quindi non si giustifica il nome di influenza suina", ha puntualizzato in una nota l'Organizzazione che ha sede a Parigi.

Intanto aumentano i timori che l'influenza assuma un'entità sempre più vasta dopo che 103 persone sono morte in Messico e nuove infezioni sono state individuate negli Stati Uniti e in Canada mentre presunti casi sono stati riscontrati in Europa, Israele e Nuova Zelanda.

Oggi il primo test rapido effettuato su una donna di 31 anni originaria del Veneto orientale e ricoverata a Venezia dopo sintomi influenzali sospetti al rientro dalla California, esclude il contagio da influenza suina.

I timori che l'influenza possa assumere le dimensioni di una pandemia che potrebbe danneggiare le già deboli economie mondiali ha provocato oggi un ampio calo nei mercati azionari, in quello del greggio e in quelli delle materie prime.