Diritti dei consumatori, nasce il progetto "Occhi Aperti"

mercoledì 22 aprile 2009 13:06
 

ROMA (Reuters) - Nel 2008 l'indebitamento dei cittadini ha raggiunto i 60,7 miliardi di euro, si sono registrati 212 casi di pubblicità ingannevole e pratiche commerciali scorrette e sono state comminate sanzioni per oltre 37 milioni di euro.

Le Associazioni dei Consumatori hanno quindi deciso di correre ai ripari, presentando un progetto che aiuti a cittadini a difendere i propri diritti e tutelare i propri interessi. Il progetto si chiama "Occhi Aperti" ed è stato illustrato questa mattina da sei associazioni nazionali dei consumatori: Assoutenti, Cittadinanzattiva, Confconsumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino e Unione Nazionale Consumatori.

"Occhi Aperti", che verrà finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico attraverso le multe antitrust, è un programma di comunicazione a livello nazionale che durerà 15 mesi ed è stato creato al fine di facilitare l'esercizio dei diritti dei consumatori e la conoscenza dei comuni strumenti di tutela in materia di strumenti creditizi, pratiche commerciali scorrette e garanzie post-vendita, che rappresentano i tre settori coperti dal progetto.

Ogni associazione si avvarrà della consulenza di due subcordate che si dedicheranno specificatamente ad uno dei tre temi.

Il presidente del Movimento Difesa del Cittadino, Antonio Longo, ha spiegato in conferenza stampa attraverso quali iniziative verrà portato avanti il progetto "Occhi Aperti": "E' una campagna di informazione e di educazione che le associazioni svolgeranno in tutta Italia e che comprenderà servizi di assistenza e consulenza per il consumatore, convegni e seminari, ma anche spot radiofonici e audiovisivi e giochi per l'apprendimento degli argomenti per i giovani".

"Dal 2002 al 2007 l'indebitamento delle famiglie italiane è cresciuto del 93%. Sono dati allarmanti che bisogna affrontare, in particolar modo colmando il gap informativo tra i cittadini e le aziende", ha detto Anna Lisa Mandorino, vice-segretario generale di Cittadinanzattiva.

Presente alla conferenza stampa anche il vice direttore generale della Confcommercio, Costante Persiani, che ha auspicato una collaborazione tra consumatori e commercianti: "E' fondamentale diffondere una cultura della legalità che consenta di emarginare i commercianti che utilizzano pratiche scorrette. Ma altrettanto importante è la collaborazione tra consumatori e venditori per combattere una pratica, purtroppo, sempre più diffusa, quella della contraffazione e dell'abusivismo commerciale".