20 aprile 2009 / 16:19 / 8 anni fa

Musica, opinioni contrastanti su successo di Boyle a talent show

di Mike Collett-White

LONDRA (Reuters) - Una zitella di mezz‘età dai capelli scompigliati e dai modi franchi ha catturato milioni di appassionati di musica e disatteso ogni aspettativa degli esperti diventando famosa dopo aver cantato in Tv ad un talent show britannico.

Susan Boyle, 47 anni, è diventata una delle celebrità più popolari del mondo questo mese nel giro di una notte, dopo aver cantato “I Dreamed a Dream” al “Britain’s Got Talent”.

E’ stata ospite al Larry King Live negli Stati Uniti ed è comparsa in innumerevoli giornali e articoli su internet. Il video della sua esibizione è stato guardato circa 50 milioni di volte su YouTube.

Ma mentre la maggior parte della gente vede la sua storia come una favola, alcuni sostengono che metta in cattiva luce il pubblico per i suoi preconcetti sulla bellezza e la fama.

Sostengono infatti che Boyle, che vive da sola con il suo gatto, sia diventata una star all‘istante proprio perché non ha le sembianze o l‘atteggiamento della “tipica” celebrità.

“Nessuna donna va a cantare in pubblico se non sembra Mariah Carey. Se sei una cantante donna, la legge del mondo dello spettacolo ti chiede di essere sempre sexy”, ha detto Miranda Sawyer in un commento al Daily Mirror.

Tanya Gold, che scrive per il quotidiano Guardian, ha chiesto: “Susan Boyle è brutta? o lo siamo noi?”

“Portando questa Susan al successo, perdoniamo noi stessi per aver stroncato tutte le altre Susan. E’ una redenzione molto parziale e avvelenata”.

Alcune descrizioni di Boyle hanno sottolineato i pregiudizi dei media sulla bellezza e l‘età, hanno detto i critici, infatti la donna è stata definita “scialba”, “trasandata” e con “il doppio mento”.

C’è anche stato un acceso dibattito su quello che Boyle dovrebbe fare per mantenere il successo, se restare com’è o trasformare il proprio aspetto.

SCUSE, PREOCCUPAZIONI

Qualche esperto del settore delle celebrità ha confessato di aver pensato, come molti spettatori del “Britain’s Got Talent” quella sera, che Boyle sarebbe stata scartata a causa del suo aspetto.

“Ha abbattuto tutte le mie difese”, ha detto Lisa Schwarzbaum della pubblicazione statunitense Entertainment Weekly. “Ha rimesso ordine nella concezione della bellezza. E non avevo idea di quanto abbia bisogno di ricordarmelo di tanto in tanto finché non ho sentito le lacrime sulle mie guance”.

Il successo di Boyle richiama alla mente Paul Potts, il tenore apparso nello stesso programma nel 2007, che aveva disatteso tutte le aspettative con la sua interpretazione di “nessun Dorma”.

La sua performance si è diffusa velocemente su YouTube e Potts ha registrato un album, “One Chance”, che ha venduto milioni di copie.

Critici musicali si chiedono se un simile successo così immediato sia giustificato o utile.

“Come possiamo aspettarci che i giovani scelgano la strada più sicura e che si allenino per anni in scuole di recitazione e conservatori quando possono prendere la scorciatoia ... per arrivare alla fama?” scrive nel suo blog Rupert Christiansen del Telegraph.

Ma molti esperti e membri del pubblico vedono la storia di Boyle come positiva.

Marc French di Ugly, un‘agenzia di “modelli di carattere”, ha detto che i media hanno creato un‘immagine di come dovrebbe essere la bellezza, ma che adesso l‘atteggiamento sta cambiando.

“C’è un concetto dei media secondo cui si deve apparire in un certo modo e avere un certo peso, ma se questo dà una possibilità a persone come Boyle, allora perché no?”, ha detto a Reuters.

“Sicuramente adesso il mercato osa di più ... ha una mentalità più aperta. Penso che ognuno stia iniziando a sentirsi più a proprio agio con se stesso”.

Per quanto riguarda Boyle, la donna non sembra destabilizzata dall‘improvvisa attenzione.

“Non ho visto YouTube né niente di tutto ciò, ma capisco che sia una cosa enorme”, ha detto ai giornalisti a casa sua la settimana scorsa quando le hanno chiesto cosa pensasse dei milioni di utenti che avevano visto il suo video sul sito web.

“Per adesso mi limito a fare piccoli passi”, ha aggiunto descrivendo il suo percorso verso la fama. “Tengo i piedi per terra”.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below