Arabia Saudita regolamenterà i matrimoni delle ragazze minorenni

martedì 14 aprile 2009 12:16
 

RIYADH (Reuters) - L'Arabia Saudita intende regolamentare i matrimoni delle ragazze minorenni.

E' quanto ha detto oggi il ministro arabo per la Giustizia, le cui dichiarazioni sono riportate da un quotidiano saudita, dopo la decisione di un tribunale di non annullare il matrimonio tra una bambina di otto anni e un uomo più vecchio di lei di 50 anni.

Il ministero della Giustizia intende "porre fine all'arbitrarietà dei genitori e dei tutori nello sposare ragazzine minorenni", ha detto Mohamed al- Issa, ministro della Giustizia, al quotidiano al-Watan, in parte di proprietà della famiglia reale.

L'Arabia Saudita è una società patriarcale e applica una severa forma di islamismo sunnita che impedisce a uomini e donne non imparentati di mischiarsi e dà ai padri il diritto di sposare i figli e le figlie a chiunque ritengano adeguato.

I commenti del ministro suggeriscono che la pratica di sposare le bambine non sarà abolita. Le regolamentazioni saranno volte a "preservare i diritti ... e porre fine agli aspetti negativi del matrimonio di ragazze minorenni", ha detto.

Un tribunale nella città saudita di Unaiza ha confermato per la seconda volta la settimana scorsa il matrimonio tra una ragazzina saudita e un uomo di circa 50 anni più vecchio, a condizione che i due non abbiano rapporti sessuali finché lei raggiungerà la pubertà.

Il ministro ha aggiunto che qualunque nuovo regolamento sarà emanato tenendo conto che il rispetto delle leggi universali non è vincolato ai comandamenti religiosi.

Non è stato possibile raggiungere funzionari del ministero per un commento.

 
<p>Immagine d'archivio di un matrimonio collettivo organizzato per 1.600 coppie a Riyadh. REUTERS/Ali Jarekji (SAUDI ARABIA)</p>