Terremoto, dal Papa 500 uova di Pasqua ai bambini

sabato 11 aprile 2009 14:22
 

L'AQUILA (Reuters) - Papa Benedetto XVI ha fatto arrivare ai bambini terremotati 500 uova pasquali. Lo ha confermato oggi don Claudio, sacerdote di Pizzoli, uno dei paesi colpiti dal sisma.

"Il Papa ci ha fatto pervenire 500 uova per i nostri bambini che sono stati molto entusiasti nel riceverli", ha detto don Claudio al telefono a Reuters.

"A distribuirli è stata la Gendarmeria vaticana. Noi abbiamo spiegato che questo dono veniva direttamente dal Santo Padre, che ci ha anche donato delle colombe e del riso".

Riguardo poi alla somma di denaro che il Papa ha donato alla Curia, il sacerdote, senza precisare a quanto ammonti, ha commentato: "Siamo veramente molto grati al Santo Padre, perché non ha perso tempo ed è intervenuto subito con dei contanti, ovvero ciò di cui abbiamo bisogno in questo momento di emergenza".

Dopo il terremoto costato la vita a 291 persone, don Claudio ha spiegato che ci si sta "preparando alla Pasqua come se fosse tutto normale, anche se purtroppo la trascorreremo in mezzo alle tende. Per domani è previsto anche un concerto di beneficenza alla Scuola sottufficiali della Guardia di Finanza".

"I miei fedeli stanno reagendo tutti con molta dignità", ha spiegato don Claudio, aggiungendo che "il Papa ci ha promesso che entro fine mese ci farà visita".

"Nonostante l'odore di morte, c'è voglia di risorgere, e intendo una resurrezione anche materiale", ha concluso il sacerdote. "Confidiamo che le istituzioni ci aiutino a rinascere presto".