Immigrazione, Papa chiede di porre fine alle tragedie del mare

domenica 5 aprile 2009 15:06
 

CITTA' DEL VATICANO (Reuters) - Papa Benedetto, celebrando la domenica delle Palme davanti a una folla di fedeli con i ramoscelli d'olivo, ha rivolto un appello a un'azione urgente per prevenire altre morti di immigrati che cercano di raggiungere l'Europa via mare.

Il pontefice ha chiesto un'azione coordinata per impedire che si ripetano tragedie come quelle della settimana scorsa, in cui oltre 200 africani sono morti annegati quando la loro barca si è rovesciata al largo della Libia.

"Non possiamo rassegnarci a tali tragedie, che purtroppo si ripetono da tempo!", ha detto il Papa ai pellegrini sotto il sole in piazza San Pietro.

"Le dimensioni del fenomeno rendono sempre più urgenti strategie coordinate tra Unione Europea e Stati africani, come pure l'adozione di adeguate misure di carattere umanitario, per impedire che questi migranti ricorrano a trafficanti senza scrupoli".

Riflettendo sulla sua personale esperienza per rafforzare il messaggio, Benedetto XVI ha esortato i cattolici a considerare una vita di sacrifici e rinunce.

"Non esiste una vita riuscita senza sacrificio", ha detto il Papa.

"Se getto uno sguardo retrospettivo sulla mia vita personale, devo dire che proprio i momenti in cui ho detto 'sì' ad una rinuncia sono stati i momenti grandi ed importanti della mia vita".

 
<p>Papa Benedetto XVI celebra la messa nella Domenica delle Palme. REUTERS/Max Rossi</p>