Yoko Ono venderà all'asta murale per la giornata contro autismo

venerdì 3 aprile 2009 12:00
 

NAZIONI UNITE (Reuters) - Yoko Ono, la vedova di John Lennon, ha presentato un murale che raffigura le nuvole nel cielo e che sarà venduto all'asta in 67 pezzi da puzzle per raccogliere fondi e celebrare la seconda giornata mondiale per la lotta all'autismo.

La 76enne artista e musicista giapponese ha creato il murale "Promise", alto 2 metri e fatto di materiali acrilici. Ognuno dei 67 pezzi che lo compongono sarà venduto all'asta con un'offerta di partenza di 1.000 dollari sul sito www.charitybuzz.com/yoko.

"Quando mi hanno chiesto di creare qualcosa per la giornata mondiale dell'attenzione all'autismo, sono rimasta scioccata dai dati sulla diffusione di questa malattia, in particolare tra i bambini", ha detto la Ono nel giorno della presentazione alle Nazioni Unite.

"Il mio lavoro, "Promises", simboleggia l'impegno che tutti noi dobbiamo mettere perché ci sia la giusta attenzione su questo fenomeno, raccogliendo fondi per la ricerca e sostenendo le famiglie che affrontano i problemi derivati dall'autismo", ha detto l'artista, spiegando che i 67 pezzi rappresentano le 67 milioni di persone che soffrono di questa malattia in tutto il mondo.

Più di 100 eventi sono stati fissati per oggi in 35 paesi per la giornata mondiale di lotta all'autismo, uno dei tre soli temi che le Nazioni Unite hanno voluto segnalare con una giornata interamente dedicata, insieme a Aids e diabete.

L'autismo è una malattia che inibisce la capacità dell'individuo di comunicare e di sviluppare relazioni sociali. Non se ne conoscono le cause e non c'è una cura.

"Ho sempre detto che un sogno fatto da solo rimane un sogno, ma un sogno fatto in tanti può diventare realtà", ha risposto Yoko Ono alla domanda sulla possibilità di trovare una cura per l'autismo.

I fondi raccolti dall'asta saranno devoluti all'Autism Speaks, un'organizzazione che si batte proprio contro questa malattia.

 
<p>Yoko Ono con un pezzo del suo puzzle REUTERS/Eric Thayer</p>