April 2, 2009 / 6:06 PM / 8 years ago

G20, Michelle Obama definita la "first lady della moda"

5 IN. DI LETTURA

<p>La first lady Usa Michelle Obama.Leon Neal/Pool (BRITAIN BUSINESS POLITICS HEADSHOT HEALTH)</p>

di Paul Casciato

LONDRA (Reuters) - La First Lady americana Michelle Obama ha entusiasmato gli scrittori di moda con il suo stile casual, l'uso del colore e la sua passione per i vestiti senza maniche al vertice del G20 a Londra.

I giornali britannici e americani sono stati concordi nell'apprezzare le scelte sartoriali di Obama per le uscite con la moglie del primo ministro britannico Gordon Brown, Sarah, per il ricevimento ufficiale con la regina Elisabetta a Buckingham Palace e per la cena al numero 10 di Downing Street.

Il quotidiano di destra Telegraph ha preferito Obama a Brown, dicendo che la moglie del primo ministro ha migliorato il suo stile dopo essere stata messa in ombra da Carla Bruni, moglie del presidente francese Nicolas Sarkozy, durante una precedente visita della coppia presidenziale francese, solo per vedersi battuta da Obama questa settimana.

"Nel suo scialbo abito blu scuro di Britt Lintner, che aveva già indossato nella stessa occasione al Charing Cross Hospital, risultava insignificante in confronto a Michelle Obama", riporta il Telegraph.

E Obama ha anche smentito gli americani preoccupati che l'abitudine della first lady di mostrare i suoi bicipiti potesse essere imbarazzante, quando si è presentata all'appuntamento con la regina britannica in un abito senza maniche camuffato con un elegante cardigan nero. La regina era vestita in rosa.

"Passando ad un elegante abito bianco e nero di Isabel Toledo dai primaverili pezzi di J.Crew di ieri a Londra, la first lady Michelle Obama ha dimostrato la sua versatilità ed è diventata ufficialmente una delle prime quattro donne più di stile nel mondo politico dell'era moderna, insieme a Jacqueline Kennedy, alla first lady francese Carla Bruni-Sarkozy e alla principessa Diana d'Inghilterra", ha scritto l'entusiasta Chicago Tribune.

Obama si è tolta il cardigan dopo la cena del G20 alla residenza ufficiale del primo ministro britannico, attirando ulteriori lodi dal mondo della moda, e mostrando i bicipiti scolpiti che Maureen Dowd del New York Times ha definito "l'unico simbolo attuale della forza americana".

Il Chicago Tribune ha anche ricordato ai suoi lettori che nel 1961 Jacqueline Kennedy e la regina avevano indossato entrambe dei vestiti senza maniche con i guanti per la cena.

"E oggi non ci sono più le stesse vecchie regole conservatrici", ha detto Avril Graham, di origine britannica, redattrice di moda e bellezza per Harper's Bazaar.

Il quotidiano britannico di sinistra Guardian ha lodato sia Brown che Obama per il loro stile "nazionale e di budget limitato", sostenendo che daranno una spinta all'industria della moda.

"Oggi la signora Obama è arrivata a Downing Street indossando un completo fresco e colorato, mentre la signora Brown era elegante, vestita in blu scuro", riporta il quotidiano. "Ma le scelte delle due donne avevano molto in comune: entrambe hanno deciso di supportare l'industria della moda della loro nazione".

Calgary Avansino, della rivista Vogue, ha detto che l'abbigliamento di entrambe rifletteva il loro stile personale.

"Ma credo che stessero entrambe cercando di mandare un messaggio molto chiaro, che possono indossare quello che indosserebbe una donna comune e che non si sentono superiori".

Anche il tabloid britannico Mirror ha usato toni entusiastici per descrivere lo stile populista di Obama, soprannominandola "la first lady della moda".

"Michelle Obama ha abbagliato tutti quando ha fatto la sua apparizione al numero 10 (Downing Street) non in un abito di un designer di lusso, ma in un completo della catena americana J Crew", ha scritto il Mirror.

Quella del Daily Mail è stata l'unica voce fuori dal coro: ha scritto che Obama è inciampata sul fronte dello stile indossando un cardigan blu con una "sgargiante fantasia" sopra un abito lungo da concerto per una visita insieme ad altre mogli di leader del G20 alla Royal Opera House, per ascoltare una lettura dell'autrice di Harry Potter JK Rowling.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below