Garimberti ai dipendenti: la Rai non è un "carrozzone"

mercoledì 1 aprile 2009 13:34
 

ROMA (Reuters) - La Rai [RAI.UL] non è un "carrozzone", ma un'azienda sana che sta ottenendo ottimi risultati grazie al lavoro dei suoi dipendenti. Lo ha detto oggi in una lettera al personale Paolo Garimberti, nuovo presidente dell'azienda pubblica radio-tv.

Nella lettera, diffusa dalla tv di Stato, l'ex vice direttore di Repubblica, già direttore del Tg2 -- nominato al vertice di Viale Mazzini dopo l'intesa tra maggioranza di centrodestra e Pd -- ha rivolto "un augurio di buon lavoro" ai dipendenti nella giornata in cui il nuovo consiglio di amministrazione si riunisce per la prima volta.

Garimberti, che ha preso il posto di Claudio Petruccioli, ha detto, citando anche la crisi economica, che "molti sono i problemi da affrontare e ci sono decisioni strategiche che devono essere prese immediatamente perché essenziali per il futuro dell'azienda".

Il nuovo presidente ha chiesto anche un "un impegno comune" del nuovo cda "ad operare esclusivamente per gli interessi dell'azienda".

"Lo stesso impegno che tutti voi mettete nel vostro lavoro e che ha permesso di raggiungere grandi risultati, spesso misconosciuti da chi, per malcelati interessi, preferisce dipingere la Rai come un carrozzone".

"La Rai oggi è un'azienda sana, senza debiti, che opera su tutte le nuove piattaforme e gli ottimi risultati che ottiene sono il frutto del vostro lavoro", ha detto ancora Garimberti.

Il neo presidente si è infine impegnato a essere "il garante della libertà e del pluralismo, della tutela della libertà di espressione, inclusa la libertà di opinione, della obiettività, completezza, lealtà e imparzialità dell'informazione, dell'apertura alle diverse opinioni e tendenze politiche, sociali, culturali e religiose, del rispetto della dignità delle persone e soprattutto dei minori".

 
<p>Una serie di televisori a schermo piatto esposti in un supermercato. REUTERS/Eric Gaillard</p>