Donati gli organi dell'attrice Natasha Richardson

giovedì 26 marzo 2009 13:19
 

LOS ANGELES (Reuters) - La famiglia dell'attrice britannica Natasha Richardson, morta la settimana scorsa per un trauma cranico a seguito di un incidente sugli sci, ha donato i suoi organi ad altre persone in lotta per la vita. Lo riferiscono i media.

Richardson, 45 anni, è morta mercoledì scorso in un ospedale di New York, due giorni dopo essere caduta e aver battuto la testa durante una lezione privata di sci a Mont Tremblant, in Canada, in cui non indossava il casco protettivo.

Il sito web della rivista People, people.com, riporta che la famiglia dell'attrice, incluso il marito e attore Liam Neeson ha chiesto che gli organi della donna fossero donati ad altri pazienti in difficoltà.

Un amico di famiglia, riporta il sito, ha detto che la donazione degli organi è "proprio da Natasha".

"Ha dedicato così tanto tempo a combattere contro lo stigma dell'Aids; una persona così avrebbe sicuramente scelto di donare i propri organi. Almeno questo porterà a qualcosa di positivo (nella tragedia)".

Secondo i dati del Network Usa per il Reperimento e il Trapianto degli Organi, dal 25 marzo circa 101.257 persone hanno bisogno di un trapianto negli Stati Uniti, e circa 19 persone muoiono ogni giorno nell'attesa di trovare un donatore.

Negli Usa, i donatori devono aver espresso mentre erano in vita la volontà di donare i propri organi.

Neeson e i due figli della coppia, di 13 e 12, la madre della Richardson, l'attrice Vanessa Redgrave, e la sorella Joely Richardson, hanno partecipato domenica a una veglia funebre insieme ad alcuni amici e al resto della famiglia a New York, dove l'attrice viveva.

Neeson tornerà a lavorare a Toronto sul set del suo prossimo film "Chloe", mentre i ragazzi torneranno a scuola, riporta People.

 
<p>In un'immagine di archivio, l'attrice Natasha Richardson assieme al marito Liam Neeson mentre arrivano al premio Tony a New York nel giugno del 1993. REUTERS/Peter Morgan</p>