Ambiente, crisi economica potrebbe dimezzare emissioni di Co2

giovedì 12 marzo 2009 16:03
 

di Gelu Sulugiuc

COPENHAGEN (Reuters) - La crisi economica globale potrebbe ridurre le emissioni di gas serra del 50%. Lo ha detto oggi uno scienziato al Congresso sul Cambiamento Climatico.

Terry Barker, direttore del Centro di Ricerca sul Cambiamento Climatico all'Università di Cambridge, ha detto che la recessione potrebbe portare entro il 2012 ad una riduzione delle emissioni superiore rispetto a quella registrata a causa della Grande Depressione tra il 1929 e il 1932, stimata intorno al 35%.

"La mia previsione è che le emissioni diminuiscano dal 40% al 50%, ma è tutto da vedere", ha detto Barker.

"Al momento i segnali su quando riusciremo a uscire dalla crisi non sono certo incoraggianti. Sono molto pessimista sull'andamento del Pil, ma immagino si possa dire che sono molto ottimista sulla riduzione delle emissioni di anidride carbonica", ha aggiunto.

Barker ha detto di aver già visto segnali di un sensibile calo della produzione di elettricità in Cina, ma di aver bisogno dei dati dei paesi industrializzati per poter fare una previsione più precisa.

Nel frattempo ha esortato i governi a sfruttare l'opportunità di stimolare l'economia investendo in energia "verde".

"Se tutti i paesi del G20 approvassero un New Deal "verde", l'economia mondiale ne trarrebbe grande beneficio, soprattutto i settori che producono tecnologie a bassa produzione di anidride carbonica", ha continuato Barker.

"Ci sarebbe un miglioramento grazie all'innovazione e alla distribuzione di tecnologie a basso impatto ambientale, e un aumento delle entrate derivanti dalle tasse".

 
<p>Ambiente, crisi economica potrebbe dimezzare emissioni di Co2. REUTERS/Jo Yong-Hak</p>