Musica, vendite nuovo album U2 sfiorano 500.000 copie negli Usa

martedì 10 marzo 2009 11:03
 

LOS ANGELES (Reuters) - Il nuovo album degli U2 è sulla buona strada per superare le previsioni del settore, vendendo quasi mezzo milione di copie nella sua prima settimana di uscita negli Usa. Lo ha riferito ieri il manager del gruppo.

"No Line on the Orizon" è in vendita da martedì scorso negli Stati Uniti, e dal giorno prima nel resto del mondo.

"Pensiamo che le vendite della prima settimana saranno molto vicine al mezzo milione di copie, poco meno", ha detto a Reuters Paul McGuinness dopo una trasmissione radio degli U2 ad una casa discografica di Hollywood.

Le previsioni della settimana scorsa avevano stimato che le vendite dell'album nella prima settimana negli Usa potessero raggiungere tra le 400.000 e le 450.000 copie, un'accoglienza molto più tiepida rispetto alle 840.000 copie vendute dall'album precedente, "How to Dismantle an Atomic Bomb", uscito a novembre del 2004.

Ma McGuinness, manager degli U2 da quasi 31 anni, ha detto che il calo delle vendite è "un segno dei tempi" in un periodo di declino del settore discografico.

"E quello che le persone di questo Paese non realizzano è che l'industria musicale americana sta crollando molto più velocemente che nel resto del mondo. In Europa le vendite di supporti musicali fisici si stanno mantenendo meglio. Sono in declino, ma non così tanto come in America".

Quest'anno le vendite totali di album in america sono già diminuite del 12% rispetto allo stesso periodo di un anno fa, secondo quanto riferito dalla Nielsen SoundScan.

McGuinness si aspetta che "No Line on the Horizon" debutti al numero uno delle classifiche in 40 paesi, diventando il settimo disco degli U2 in testa alla classifica americana. I dati ufficiali delle vendite negli Usa saranno rilasciati domani.

Gli U2 hanno annunciato ieri che una tournée mondiale che debutterà al Nou Camp di Barcellona il 30 giugno.

 
<p>Gli U2, Adam Clayton, Bono, Edge e Larry Mullen. REUTERS/Gary Hershorn</p>