Musica, i "Casi ciclici" di Gazzè, tra elettronica e sinfonica

giovedì 5 marzo 2009 17:22
 

MILANO (Reuters) - Mescolerà insieme musica, immagini, elementi sinfonici e note elettroniche il nuovo spettacolo di Max Gazzé, che lui considera un vero e proprio "laboratorio di sperimentazione".

Al debutto domani, il progetto "Casi ciclici" girerà per tutta l'Italia fino ad ottobre per poi diventare un dvd, il primo della carriera per Gazzé, cantautore eclettico conosciuto grazie a brani come "Vento d'estate", "Una musica può fare" o "Il solito sesso".

Il concept live elettro-acustico mescolerà i più vari generi musicali e vedrà sul palco artisti e strumenti molto diversi tra loro: dai sintetizzatori di Megahertz, alla batteria di Sergio Carnevale, al flauto di Silvia Catasta e gli archi del quartetto EdoDea.

"Chi decide di fare arte, di comunicare attraverso questa forma viene incuriosito dalle contaminazioni, che sono forse l'unico modo in cui l'arte può evolvere come forma espressiva", spiega in un'intervista telefonica a Reuters Gazzé, tra una prova in teatro e l'altra.

"Sarà uno stare insieme in un laboratorio di sperimentazione dove ognuno porta la propria esperienza, un modo di fare interagire più forme di espressione artistica e crearne delle nuove".

Lo spettacolo, che prevede anche una serie di immagini sincronizzate con la musica, scorrerà su una scaletta definita con molti brani mai realizzati dal vivo, ma lascerà anche molto spazio all'improvvisazione.

"Tra un brano e un altro ci sarà sempre qualcosa che accade", spiega ancora.

L'atmosfera sarà dunque "sinteticosinfonica", attraverso le canzoni di ieri e di oggi perché "ogni cosa accaduta in passato viene riproposta in futuro filtrata dal presente".

Il tour debutterà domani da Crema, per passare poi da Bologna, Milano, Firenze e Roma.

 
<p>Una immagine di Max Gazz&eacute; REUTERS/Hand out/Alessio Pizzicannella</p>