Meredith, Lumumba chiede maxi-risarcimento per la sua detenzione

mercoledì 4 marzo 2009 13:35
 

PERUGIA (Reuters) - Patrick Lumumba, il congolese arrestato e poi prosciolto nell'inchiesta sull'omicidio della studentessa britannica Meredith Kercher, ha chiesto un risarcimento di mezzo milione di euro, il massimo previsto dalla legge, per ingiusta detenzione.

Lo ha riferito il suo legale.

Lumumba, che all'epoca dell'omicidio gestiva un bar, fu arrestato pochi giorni dopo l'omicidio avvenuto nella notte del primo novembre del 2007, e rilasciato dopo circa due settimane per poi uscire dall'inchiesta.

"Abbiamo chiesto un risarcimento di 516.000 euro, il massimo che potevamo chiedere per l'ingiusta detenzione di Patrick Lumumba", ha detto a Reuters l'avvocato Carlo Pacelli, dopo aver depositato la sua richiesta alla Corte d'Appello di Perugia.

Al termine di un'udienza a porte chiuse, il giudice si è riservato di decidere nei prossimi giorni, ha detto ancora Pacelli.

Il congolese -- che ha già querelato per calunnia la studentessa americana Amanda Knox, attualmente sotto processo per omicidio con l'ex studente Raffaele Sollecito -- ritiene di essere stato fortemente danneggiato sia dalla risonanza mediatica della vicenda che dalla chiusura del locale che gestiva a Perugia.

"La sua immagine che continua a ripercorrere tutti i media del globo per motivi di cronaca è stata fortemente danneggiata, oltre a questo abbiamo considerato il crollo della sua attività che ha determinato la chiusura del suo locale con cui viveva tutta la famiglia", ha spiegato il legale.

"Inoltre abbiamo dimostrato una patologia di sofferenza psichica nella quale vive oggi Patrick. Abbiamo espresso un discorso di equità che ci ha portato a chiedere il massimo della cifra".

Il processo per l'omicidio di Meredith in Corte d'Assise riprenderà il 13 marzo con la deposizione di altri agenti della squadra mobile di Perugia per chiarire alcuni aspetti delle indagini.

Knox e Sollecito, studenti e fidanzati all'epoca della morte di Meredith, devono rispondere di omicidio, violenza sessuale, simulazione di reato, furto. I due si dichiarano innocenti.

Il terzo accusato dell'omicidio, il nigeriano Rudy Guede, è stato condannato a 30 anni per omicidio e violenza sessuale nell'ottobre scorso, dopo aver chiesto di essere giudicato col rito abbreviato.

 
<p>Patrick Lumumba, il congolese arrestato e poi prosciolto nell'inchiesta sull'omicidio della studentessa britannica Meredith Kercher, ha chiesto un risarcimento di mezzo milione di euro, il massimo previsto dalla legge, per ingiusta detenzione. REUTERS/Daniele La Monaca (ITALY)</p>