Gran Bretagna, un ragazzino su tre vittima di bullismo online

martedì 3 marzo 2009 11:49
 

LONDRA (Reuters) - In Gran Bretagna un ragazzo su tre è stato vittima di bullismo online, e le ragazze sono le vittime più probabili. Lo riporta uno studio pubblicato oggi.

Dall'indagine, condotta dall'organizzazione Beatbullyng su un campione di oltre 2.000 ragazzi tra gli 11 e i 18 anni, è risultato che messaggi di testo, scherzi telefonici e contenuti pubblicati sui social network sono il fulcro di una "crescente epidemia".

Le ragazzine sono risultate quattro volte più soggette a essere vittime di questo tipo di bullismo rispetto ai loro coetanei maschi, sottolinea lo studio.

"Chiaramente, il cyber-bullismo è un problema crescente che riguarda milioni di bambini in tutto il Regno Unito e le misure prese fino ad ora per contrastarlo hanno avuto effetti limitati", ha detto Emma Jane Cross, direttrice dell'organizzazione.

Le scoperte avvengono in coincidenza del lancio di un nuovo social network nazionale, CyberMentors, sostenuto da celebrità e politici come il primo ministro Gordon Brown, che permette ai bambini più bravi a scuola di aiutare i loro coetanei.

"CyberMentors è una fantastica nuova iniziativa che punta a migliorare la sicurezza online dei bambini e dei ragazzi britannici", ha detto Brown.

"Come non li lasciamo a giocare in giardino senza essere sorvegliati, così dobbiamo attivare le misure necessarie a tenere al sicuro i nostri bambini anche online".