Australia, incendi rilasciano enormi quantità CO2 in atmosfera

giovedì 26 febbraio 2009 08:36
 

SINGAPORE (Reuters) - Gli incendi che hanno devastato lo stato australiano di Victoria hanno rilasciato milioni di tonnellate di biossido di carbonio e i roghi delle foreste rischiano di diventare una crescente fonte di inquinamento da anidride carbonica mentre il Pianeta continua a riscaldarsi.

Lo ha affermato oggi Mark Adams, un importante scienziato, preside della facoltà di Agricoltura, Alimentazione e Risorse Naturali all'Università di Sydney.

Adams ha detto a Reuters che il riscaldamento globale potrebbe scatenare un circolo vizioso in cui le foreste potrebbero smettere di assorbire CO2, accelerando invece l'aumento dei gas a effetto serra nell'atmosfera.

"Con le crescenti preoccupazioni sull'aumento del CO2 e delle temperature la riduzione delle piogge in molte aree forestali, potremmo finire col registrare maggiori emissioni da parte degli incendi di foreste".

Gli incendi nello Stato di Victoria, che hanno provocato la morte di oltre 200 persone, sono stati i peggiori nella storia dell'Australia. Molti roghi bruciano ancora. Solo ieri i pompieri hanno combattuto contro le fiamme in sette diversi incendi. E per domani è atteso un nuovo rialzo delle temperature.

"Gli scienziati di tutto il mondo sono preoccupati degli incendi e delle foreste. Non importa se si tratti di roghi nella tundra artica o fuochi nelle torbiere del Kalimantan o incendi in Australia", ha detto Adams.

In un documento presentato all'Onu nel 2008, il governo australiano ha affermato che gli incendi del 2003 hanno rilasciato nell'atmosfera 190 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti, vale a dire circa un terzo delle emissioni a effetto serra della nazione in un anno. Una quantità che non è conteggiata ufficialmente nel bilancio annuale delle emissioni australiane. Se lo fosse, il paese andrebbe ampiamente oltre i limiti previsti dal Protocollo di Kyoto, la maggiore arma a disposizione delle Nazioni Unite per combattere il cambiamento climatico.

Ecco perché l'Australia sta chiedendo di emendare le regole sul cambiamento d'uso dei terreni, in modo che siano comprese solo le attività umane che "possano essere praticamente influenzate".

Secondo Adams, i negoziati Onu sul clima di fine 2009 in Danimarca, che puntano a trovare un nuovo patto come quello di Kyoto, devono tenere conto della crescente minaccia che viene dagli incendi delle foreste, e su come sviluppare una cornice legale adeguata ad affrontare il problema.

 
<p>Vigili del fuoco al lavoro per spegnere un incendio REUTERS/Mick Tsikas</p>