February 24, 2009 / 5:36 PM / 8 years ago

Vescovo negazionista Williamson lascia l'Argentina

2 IN. DI LETTURA

BUENOS AIRES (Reuters) - Il vescovo cattolico che ha provocato uno scandalo internazionale negando la piena esistenza dell'Olocausto, è stato costretto oggi al lasciare l'Argentina, qualche giorno dopo che il governo del paese aveva minacciato di cacciarlo.

Il vescovo Richard Williamson, esponente ultra-tradizionalista che fino a pochi giorni fa era a capo di un seminario vicino a Buenos Aires, aveva detto in un'intervista tv che nei campi di concentramento nazisti non erano morti più di 300.000 ebrei, contro i 6 milioni riconosciuti dalla stragrande maggioranza degli storici.

Con il viso protetto da un paio di occhiali da sole scuri, una cappellino da baseball e con addosso un cappotto, Williamson è stato visto da un giornalista di Reuters nel principale aeroporto internazionale dell'Argentina proprio mentre varcava la zona d'imbarco.

Il vescovo non ha risposto ad alcuna domanda.

Domenica, Miguel Faure, un religioso dello stesso ordine, aveva detto a Reuters che Williamson sarebbe andato in Gran Bretagna.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below