Alimentari,Coldiretti: costo finale 5 volte quello di produzione

lunedì 23 febbraio 2009 12:35
 

costo quintuplica da produzione a consumo

MILANO (Reuters) - I prezzi degli alimenti hanno registrato a gennaio un aumento del 3,8%, più del doppio del valore medio dell'inflazione su base annua (1,6%), nonostante un calo medio del 14% nei prezzi della produzione agricola, dai cereali (-44%), all'olio d'oliva (-23%) al latte (- 8%).

Lo riferisce Coldiretti, evidenziando l'ampia distorsione dei prezzi che aumentano di quasi cinque volte nel passaggio dalla produzione al consumo, danneggiando aziende agricole e consumatori.

In generale per ogni euro speso dai consumatori in alimenti, spiega Coldiretti, 60 centesimi vanno alla distribuzione commerciale, 23 all'industria alimentare e solo 17 centesimi agli agricoltori.

Un esempio su tutti è rappresentato dal latte, il cui prezzo alla produzione è sceso a circa 35 centesimi al litro, mentre i consumatori continuano a pagarlo in media 1,4 euro al litro, con un ricarico del 300%, secondo i dati del ministero delle Politiche agricole.

Secondo Coldiretti, esistono ampi margini di prezzo da recuperare nel passaggio degli alimenti "dal campo alla tavola", tramite maggiore concorrenza, trasparenza ed efficienza, per garantire acquisti convenienti alle famiglie e sostenere il reddito degli agricoltori in un momento di difficoltà economica.