Calcio, derby: arrestati sette ultras del Milan

mercoledì 18 febbraio 2009 12:52
 

MILANO (Reuters) - Sette ultras rossoneri sono stati arrestati oggi in flagranza differita a Milano, per risse e lesioni nei confronti di sei tifosi nerazzurri.

Lo ha riferito oggi la Digos di Milano, che ha eseguito gli arresti, spiegando che i disordini si sono verificati durante il derby Milan-Inter che si è svolto il 15 febbraio allo stadio di San Siro.

I feriti sono sei tifosi interisti appartenenti al gruppo Bagaj, tutti sui trent'anni. Uno di loro è attualmente in prognosi riservata per il distacco della retina.

Gli scontri sono avvenuti nel primo anello blu lato sud dello stadio milanese poco prima dell'inizio della partita, ha spiegato la Digos, quando alcuni tifosi interisti hanno strappato uno striscione rossonero che impediva loro la visuale. Una trentina di ultras milanisti, appartenenti ai 'Guerrieri Ultras' e alle 'Brigate Rossonere', alcuni con il volto coperto, sono quindi scesi in una vera e propria spedizione punitiva, picchiando selvaggiamente a mani nude i tifosi interisti.

"In maniera compatta, organizzata e premeditata (gli ultras) sono entrati nel settore sottostante con l'intenzione di picchiare chi aveva strappato lo striscione", ha detto Bruno Megale, funzionario della Digos.

Il più giovane degli aggressori arrestati, quello materialmente responsabile della lesione all'occhio dell'uomo in prognosi riservata, ha 23 anni, mentre il più vecchio è del 1963.

Quattro di loro avevano già dei precedenti per reati in materia di manifestazioni sportive, e avevano subito il provvedimento Daspo, che prevede un periodo di allontanamento dallo stadio.

Le indagini sono ancora in corso, ha riferito la Digos.

 
<p>Una immagine di fumogeni in un derby milanese di alcuni anni fa. REUTERS/Stefano Rellandini PP05070289</p>