Berlinale, Orso d'oro al film peruviano "La Teta Asustada"

domenica 15 febbraio 2009 11:55
 

BERLINO (Reuters) - Il film drammatico peruviano "La Teta Asustada" (The Milk of Sorrow), della regista Claudia Llosa, ha vinto ieri sera l'Orso d'oro al festival del cinema di Berlino.

Primo film del paese andino in concorso alla Berlinale, racconta la storia di Fausta, figlia dello stupro di cui restò vittima la madre in un periodo della storia recente peruviana, durato in realtà vent'anni, in cui circa 70mila persone furono uccise o scomparvero.

Dopo la morte della madre Fausta, impersonata dall'attrice Magaly Solier, vuole che sia seppellita nel villaggio natale, ma perché questo avvenga è costretta a confrontarsi col malessere che l'affligge come una malattia.

Un'altra pellicola sudamericana è stata premiata ieri sera a Berlino, l'uruguaiana "Gigante", Orso d'argento ex aequo con il film tedesco "Alle Anderen" (Everyone Else) e che ha diviso un altro premio, quello intitolato ad Alfred Bauer, con "Tatarak" (Sweet Rush) del regista polacco Andrzej Wajda.

Il premio per la migliore regia è andato all'iraniano Asghar Farhadi per "Darbareye Elly" (About Elly), mentre l'austriaca Birgit Minichmay ha vinto come migliore interprete femminile per "Alle Anderen" . Miglior attore, il maliano Sotigui Kouyate per "London River".

 
<p>La regista Claudia Llosa con l'Orso d'oro al Festival del cinema di Berlino. REUTERS/Hannibal Hanschke (GERMANY)</p>