Crisi, Wells Fargo sotto accusa per eventi reagisce con uno spot

lunedì 9 febbraio 2009 11:33
 

NEW YORK (Reuters) - Dopo aver annullato la scorsa settimana le gite dei dipendenti dI fronte all'indignazione dell'opinione pubblica sugli sprechi di Wall Street, Wells Fargo ha deciso di contrattaccare con una campagna pubblicitaria ieri sul New York Times.

"Okay, tempo scaduto. Qualcosa non sembra giusto", dice l'inserzione, prima di attaccare "gli articoli dei media" per aver creato l'impressione sbagliata che ogni evento per i dipendenti sia un "futile, inutile spreco, o qualcosa per dirigenti molto ben pagati. Nonsense!"

L'inserzione riconosce che tutti i dipendenti, ma in particolare quelli di aziende di servizio pubblico a che ricevono il sostegno del governo Usa dovrebbero riesaminare quanto spendono in eventi di riconoscenza.

Wells ha annullato i principali eventi, come i viaggi, per il 2009, ed ha ricevuto 25 miliardi di dollari nell'ambito del Troubled Asset Relief Program, o Tarp.

Ma la cancellazione di questi eventi ha irritato quei dipendenti Wells Fargo che "più meritano riconoscenza", come cassieri, investitori personali, impiegati e analisti del credito, dice l'inserzione.

Dipendenti cui va il ringraziamento che non otterranno quest'anno nei loro eventi annullati, ha detto la portavoce di Wells, Julia Tunis Bernard.

"Questa inserzione è un modo per riconoscere pubblicamente i risultati da loro raggiunti in modo che tutti i nostri azionisti sappiano quanto teniamo in considerazione quel che hanno realizzato".

In gennaio, Wells Fargo ha annunciato una perdita nell'ultimo trimestre di 2,55 miliardi di dollari, o 79 centesimi per azione, rispetto ad un profitto di 1,36 miliardi di dollari, o 41 centesimi per azione, un anno prima. I risultati eslcudono l'acquisizione da parte della banca di Wachovia.