Antartide,brevetti minacciano condivisione scoperte scientifiche

venerdì 6 febbraio 2009 12:53
 

di Alister Doyle, corrispondente per l'ambiente

ROTHERA BASE, Antartide (Reuters) - A 50 anni dalla stipulazione del Trattato Antartico, che prevede che tutte le scoperte scientifiche sull'Antartide vengano liberamente condivise, i governi stanno cercando di porre fine alla controversia sull'aumento dei brevetti imposti dalle aziende sulle forme di vita nel continente ghiacciato.

Sempre più compagnie che sviluppano nuovi prodotti attraverso scoperte biologiche o "bioprospecting" stanno cercando di brevettare organismi dell'Antartide o molecole per la creazione di prodotti che vanno dai cosmetici ai medicinali, creando nuove tensioni sul trattato.

"La biologia sta attraversando una rivoluzione ... E' una situazione intricata", ha detto José Retamales, direttore dell'istituto Antartico Cileno, parlando della mancanza di regole chiare sulle prospettive di vita di flora e fauna sul continente.

I membri del Trattato Antartico del 1959 progettano di discutere la questione al meeting annuale in cui si commemoreranno "50 anni di pace e scienza", e che si terrà nella città americana di Baltimora dal 6 al 17 aprile. Sarà possibile presentare proposte fino al 20 febbraio.

"E' necessario capire se c'è un problema e, in caso affermativo, bisognerà stabilire di cosa si tratti", ha detto Johannes Huber, a capo del segretariato per il Trattato Antartico a Buenos Aires. I governi "non hanno trovato un accordo", ha aggiunto.

Il trattato, che rende il continente un luogo deputato 'alla pace e alla scienza', era stato originariamente creato per evitare conflitti sulle rivendicazioni sul territorio durante la Guerra Fredda, ha spiegato Retamales.

"Il mondo è cambiato. Adesso si parla di cose diverse, cose che non sono nemmeno visibili". Il trattato vieta l'estrazione, ma permette altri tipi di sfruttamento commerciale dell'Antartide. Anche il bioprospecting è consentito, purché non abbia scopi militari.

Retamales e alcuni altri esperti hanno detto che gli obiettivi delle società di brevetti, che vogliono assicurarsi diritti commerciali esclusivi, sono spesso incompatibili con l'apertura e la cooperazione della scienza previste nel trattato sottoscritto da 47 nazioni.

"L'osservazione scientifica e le scoperte in Antartide dovranno essere condivise e rese liberamente accessibili", si legge nel trattato.

Tra i prodotti derivanti dall'Antartide ci sono proteine antigelo, medicinali contro il cancro, enzimi e creme cosmetiche. Il bioprospecting in Antartide è stato reso più facile dai progressi nella tecnologia genetica.

 
<p>Un glaciologo britannico al lavoro in Antartide . REUTERS/Alister Doyle (ANTARCTICA)</p>