Motociclismo, Rossi: moto più accessibili e meno tecnologiche

lunedì 2 febbraio 2009 16:47
 

di Mark Meadows

MILANO (Reuters) - Il MotoGP dovrebbe impiegare motociclette meno tecnologiche e a prezzi più accessibili, se lo sport vuole uscire dalla crisi economica senza altre vittime. Lo ha detto oggi il campione del mondo Valentino Rossi.

Kawasaki si è ritirata dalle piste e sta cercando un acquirente, mentre Yamaha, il team di Rossi, ha deciso di presentare oggi online la nuova moto del 2009, per tagliare i costi.

"Sono molto preoccupato per il numero di moto alla griglia di partenza, perché nel 2008 erano 19, e già non erano molte", ha detto il motociclista italiano in un video online.

"Spero che Kawasaki rimanga. Dobbiamo trovare un modo per avere più moto in pista. Penso che ci sia bisogno di mezzi un po' meno sofisticati e un po' meno costosi", ha aggiunto Rossi, che ha criticato spesso l'uso eccessivo dell'elettronica nel circuito del Gran Premio di Motociclismo.

La nuova moto di Yamaha, la YZR-M1, è stata presentata su internet (www.yamaha-racing.com), in netto contrasto con la sfarzosa presentazione dell'anno scorso a Torino, a cui avevano partecipato centinaia di giornalisti.

La crisi economica ha costretto i team del mondo dei motori a ridimensionare i lanci in questa stagione: anche la presentazione di Formula Uno di Toyota è avvenuta online.

La presentazione della nuova Yamaha ha avuto qualche piccolo problema tecnico, ma Rossi ha detto che la moto deve essere migliorata prima dell'apertura della stagione del Gran Premio in Qatar il 12 aprile.

"Ho potuto provare brevemente il prototipo per il 2009...a velocità molto elevate. Sono stato molto veloce, la moto è migliorata e sono stato più rapido anche rispetto alla versione 2008", ha detto il motociclista 29enne.   Continua...

 
<p>Motociclismo, Rossi: moto pi&ugrave; accessibili e meno tecnologiche. REUTERS/Heino Kalis</p>