Contro "The Millionaire" dà a cani randagi i nomi del cast

mercoledì 28 gennaio 2009 11:24
 

MUMBAI (Reuters) - Un detrattore del pluri-premiato film "The Millionaire" ha chiamato alcuni cani randagi con i nomi dei protagonisti della pellicola di Danny Boyle in segno di protesta contro il titolo originale del film "Slumdog millionarie" ovvero "Cane da slum".

Nicholas Almeida -- attivista e abitante anch'egli degli slum, le baraccopoli alle periferie delle grandi città -- ha fatto causa al regista della pellicola Boyle, al produttore Christian Colson e alla casa che lo distribuisce, dicendo che il titolo del film crea un danno ed è discriminatorio.

La pellicola, girata per lo più in uno degli slum di Mumbai, racconta la storia di un ragazzo di strada che diventa ricco vincendo la versione indiana del gioco a premi in tv "Chi vuol essere milionario".

"Quando la Gran Bretagna governava l'India, gli indiani venivano chiamati 'cani'. Perché vogliamo chiamare questi poveri bambini 'cani' 60 anni dopo che abbiamo ottenuto l'indipendenza"? ha detto a Reuters Almeida.

Almeida ha detto che continuerà a battersi affinché il titolo del film venga cambiato, ma nel frattempo ha organizzato una sorta di battesimo di cani randagi nello slum per dare visibilità alla sua causa.

"Li ho chiamati Danny, Christian, Loveleen, Dev e Freida", ha raccontato, facendo riferimento al regista, al produttore, al co-regista Loveleen Tandan, e agli attori protagonisti Dev Patel e Freida Pinto.

 
<p>Danny Boyle, regista del film "Slumdog Millionaire". REUTERS/Lucas Jackson/Files (UNITED STATES)</p>