Bari, finge sequestro per evitare ire moglie dopo incidente auto

martedì 27 gennaio 2009 14:33
 

BARI (Reuters) - Finge un sequestro di persona per evitare la rabbia della moglie, dopo che, senza patente, si schianta contro un muretto con l'auto di lei. Ma il colpo di genio, venuto a un operaio di 26 anni di Putignano (Bari), gli è valso uno denuncia, in stato di libertà, per simulazione di reato e guida senza patente. Lo hanno detto oggi i carabinieri.

Il 26enne aveva denunciato alla forza pubblica che tre uomini, incappucciati ed armati di pistola, lo avevano prelevato sotto casa e, dopo averlo costretto a consegnargli l'auto della moglie, lo avevano condotto nella campagne circostanta, sottraendogli alcuni indumenti, denaro e il telefono cellulare.

Ma i fatti, scrivono i carabinieri di Bari in una nota, sono andati diversamente. "Per futili motivi" il giovane è stato malmenato vicino a casa da alcuni coetanei, che si sono poi allontanati poi a bordo di un'auto.

In preda alla rabbia, lo sventurato ha cercato di inseguirli con l'auto della moglie, a quanto pare senza successo.

Nel far rientro a Putignano il giovane, senza patente perché mai conseguita, a causa della pioggia battente, ha perso il controllo del mezzo ed è uscito fuori strada, schiantandosi contro un muro a secco.

Preso dal panico e temendo di dover fronteggiare un'altra rissa, questa volta tra le mura di casa, ha quindi pensato di simulare il sequestro di persona a scopo di rapina.

Alla fine, messo alle strette dai carabinieri, ha confessato come sono andate le cose.

 
<p>Immagine d'archivio di un incidente stradale. REUTERS/Max Rossi (ITALY)</p>