Cervella di foca e petto di pinguino vietati in mensa Antartico

domenica 25 gennaio 2009 18:46
 

di Alister Doyle

ROTHERA BASE, Antartide (Reuters) - Un tempo "prelibatezze dell'Antartico", le uova di pinguino o il cormorano alla brace sono ora banditi dai menu delle basi di ricercatori, dove i cuochi si affidano a cibo importante e spesso congelato.

"Ci si deve accontentare di quel che c'è in deposito. Roba congelata, roba in scatola e, se si è proprio alla disperazione, roba essicata", dice Alan Sherwood, apprezzato chef alla base britannica Rothera nella Penisola antartica.

"Ora siamo alle cipolle secche, perché abbiamo finito quelle fresche e non si può certo andar fuori a comprarne delle altre".

Rothera riceve gran parte delle provviste via nave due volte all'anno -- in dicembre e a marzo -- e con un solo volo dal Cile.

Nel 1959 il trattato sull'Antartico ha ritagliato per il continente il ruolo di riserva naturale dedicata alla pace e alla scienza e le basi hanno smesso di mangiare pesce e carne fresca. Le foche sono state uccise a Rothera per alimentare i cani fino al 1994, quando anche i cani sono stati banditi dall'Antartico per proteggerne l'ambiente.

Ma un libro di ricette degli anni 50 rimasto alla base britannica fa luce sulla vita di un tempo, quando lo staff mangiava frittate di uova di pinguino e cucinava il cuore delle foche.

"Le cervella di foca... le considero una delle prelibatezze e dei lussi dell'Antartico e erano graditissime da quasi tutti gli abitanti della base quando lavoravo da chef", scrive l'autore anonimo del libro.

Nel capitolo sulle cercella di foca, sono elencate ricette sulle cervella fritte, al gratin, fatte in omelette e insaporite sul panino. Il cuoco doveva essere un uomo, perché all'epoca non c'erano donne alla base britannica.   Continua...