Papa riabilita negazionista Olocausto, irritando ebrei

sabato 24 gennaio 2009 14:51
 

CITTA' DEL VATICANO (Reuters) - Papa Benedetto XVI ha riabilitato oggi ufficialmente un vescovo tradizionalista che nega la realtà storica dell'Olocausto, nonostante gli avvertimenti giunti dai leader ebraici che la decisione potrebbe danneggiare le relazioni tra cattolici ed ebrei e fomentare l'antisemitismo.

Il Vaticano ha reso noto che il Papa ha emesso un decreto che annulla la scomunica di quattro vescovi tradizionalisti che erano stati espulsi dalla Chiesa cattolica nel 1988 perché erano stati ordinati senza autorizzazione del Vaticano.

I quattro vescovi lefebvriani sono a capo della ultraconaservatrice Società di San Pio X, che conta circa 600.000 membri e rifiuta la modernizzazione della dottrina cattolica.

Uno dei quattro vescovi, il britannico Richard Williamson, ha ripetutamente negato la vastità dell'Olocausto degli ebrei in Europa, al contrario di quanto accettato normalmente dalla storiografia.

In alcune dichiarazioni trasmesse dalla tv svedese mercoledì scorso, il vescovo ha detto: "Credo che non ci siano state camere a gas", e che solo 300mila ebrei al massimo morirono nei campi di concentramento nazisti, e non 6 milioni.

In relazione alle polemiche suscitate in queste ore dalla decisione, il portavoce della Santa Sede, Padre Federico Lombardi ha detto che la "revoca della scomunica non c'entra assolutamente nulla" con le posizioni espresse dal vescovo Williamson.

"Sono due cose assolutamente indipendenti - ha detto il portavoce - Ovviamente se si toglie la scomunica a un vescovo non per questo si condivide tutto quello che egli dice... non ha nessun rapporto con le personali posizioni criticabilissime di una persona".

Prima che la scomunica fosse ufficialmente annullata, i leader della comunità ebraica, tra cui gruppi di sopravvissuti all'Olocausto, avevano detto che una simile iniziativa sarebbe stato un pericolo colpo a mezzo secolo di dialogo inter- religioso.

Il rabbino capo di Roma ha detto che la riabilitazione di Williamson aprirà "una ferita profonda".

Il Crif, il cartello delle organizzazioni ebraiche francesi, ha definito il vescovo "uno spregevole bugiardo il cui solo obiettivo è quello di far rivivere l'odio secolare contro gli ebrei".

 
<p>Papa Benedetto XVI durante l'Angelus in Piazza San Pietro il 18 gennaio scorso. REUTERS/Alessandro Bianchi (VATICAN)</p>