Tennis, rissa tra tifosi serbi e bosniaci agli Australian Open

venerdì 23 gennaio 2009 18:35
 

MELBOURNE (Reuters) - Tensioni etniche tra tifosi serbi e bosniaci hanno rovinato oggi gli Australian Open, dove è scoppiata una rissa dopo il match tra Novak Djokovic e Amer Delic.

La polizia ha arrestato due uomini e ha espulso altre 30 persone dal campo dopo che i tifosi rivali hanno iniziato a lanciarsi sedie e a prendersi a calci e pugni.

Una donna ha perso i sensi dopo essere stata colpita in testa da una sedia, ma la polizia ha poi dichiarato che non è stata ferita in modo grave.

La rissa è iniziata in un giardino fuori dal campo principale dell'arena, per poi esplodere nuovamente quando i fan sono stati scortati fuori da Melbourne Park.

L'ispettore Chris Duthie ha detto ai giornalisti che due uomini sono stati accusati per comportamento dannoso e per aver lanciato esplosivi, mentre un altro è stato multato immediatamente.

"L'incidente è stato affrontato prontamente e con efficacia dalla polizia e non ci aspettiamo ulteriori problemi", ha detto Duthie.

"Abbiamo una presenza molto consistente delle forze dell'ordine sul posto. Non è possibile prevenire ogni cosa, ma faremo in modo che problemi di questo tipo non si presentino (più)".

Questo è il terzo anno di fila che gli Australian Open vengono disturbati da episodi di violenza etnica.