Nuovo film con Cruise su Hitler: "da piccolo volevo ucciderlo"

domenica 18 gennaio 2009 15:39
 

SEUL (Reuters) - Tom Cruise, che fallisce nel tentativo di assassinare Adolf Hitler nel suo nuovo film "Valkyrie", ha confessato di aver voluto sempre, da piccolo, uccidere il dittatore nazista.

In un thriller sulla seconda guerra mondiale basato sulla storia vera del tentativo, non riuscito, di un soldato tedesco di uccidere Hitler, Cruise recita la parte del colonnello Claus Von Stauffenber, che piazza una bomba sotto al tavolo del capo nazista al suo quartier generale.

Il robusto tavolo di legno salverà la vita del dittatore, mentre Stauffenberg sarà giustiziato.

"Ho sempre voluto uccidere Hitler, lo odiavo", ha raccontato la star di Hollywood, a Seul per promuovere il film.

"Da bambino studiando storia e guardando i documentari, mi domandavo perché nessuno avesse cercato di fermarlo".

Ai tedeschi l'idea che proprio Cruise interpreti Stauffenberg non è andata a genio, vista l'appartenenza dell'attore a Scientology, controverso movimento pseudo-religioso fondato nel 1950 dallo scrittore di fantascienza L. Ron Hubbard. La Germania non riconosce Scientology come una religione ma la considera una setta.