Berlino, campagna pubblicitaria ritirata per slogan nazista

giovedì 15 gennaio 2009 15:12
 

BERLINO (Reuters) - La società produttrice di caffè Tchibo e la catena di distributori di benzina Esso hanno posto termine a una campagna pubblicitaria congiunta in Germania che utilizzava uno slogan simile a uno che si leggeva all'entrata di un campo di concentramento nazista.

La campagna, che era partita all'inizio di gennaio, usava l'espressione "Jedem den Seinen", che può essere tradotta come "a ognuno quello che si merita" e ricorda lo slogan "Jedem das Seine", che era affisso all'entrata del campo di concentramento di Buchenwald.

Si stima che in quel campo di concentramento nazista abbiano perso la vita circa 56.000 persone, e la campagna è stata denunciata dalla principale organizzazione ebraica della Germania.

"Tchibo non ha mai voluto ferire i sentimenti di nessuno", ha detto Angelika Scholz, portavoce della compagnia. Sia Tchibo che Esso hanno detto che non conoscevano il significato storico di quella espressione.

Lo slogan è apparso su cartelloni che pubblicizzavano il caffè, affissi nelle stazioni di rifornimento di benzina della Germania. I cartelloni sono stati tolti ieri.

Salomon Korn, vice presidente del Consiglio Centrale degli Ebrei in Germania, ha detto al quotidiano Frankfurter Rundschau che la campagna rifletteva "un insuperabile cattivo gusto" e "totale ignoranza storica".

 
<p>L'AD di Tchibo Holding, Arno Mahlert. REUTERS/Christian Charisius</p>