Tribunale Milano dichiara fallita società di Fabrizio Corona

giovedì 15 gennaio 2009 12:51
 

MILANO (Reuters) - La società "Corona's" dell'agente fotografico Fabrizio Corona, uno dei protagonisti dell'inchiesta sui presunti ricatti a personaggi dello spettacolo e della politica, è stata dichiarata fallita dal Tribunale fallimentare di Milano lo scorso 9 dicembre.

Lo ha riferito oggi una fonte giudiziaria precisando che il fallimento è stato dichiarato su un'istanza presentata da Mondadori pubblicità per il mancato pagamento di una fattura di circa 45.000 euro.

Per la Lele Mora Management -- società dell'omonimo agente di personaggi dello spettacolo, anch'egli un tempo al centro dell'inchiesta sui presunti ricatti ai vip, la cui posizione è stata archiviata dalla procura di Potenza -- è stato chiesto il fallimento da Equitalia Bergamo per conto dell'Agenzia delle Entrate per il mancato pagamento di imposte per oltre 10 milioni di euro.

Il 21 gennaio si svolgerà davanti al Tribunale di Milano un'udienza per discutere dell'istanza di fallimento della società di Mora.

Nell'ambito dell'inchiesta sui presunti ricatti a personaggi dello spettacolo e della politica, che prese il via oltre un anno fa proprio dalla procura di Potenza, alcuni filoni sono stati trasferiti per competenza alle procure di altre città.

 
<p>Il magistrato Henry John Woodcock in un'immagine di archivio. REUTERS/Dario Pignatelli</p>