Salute, le notti insonni equivalgono a più raffreddori

martedì 13 gennaio 2009 11:13
 

WASHINGTON (Reuters) - Le persone che dormono meno di sette ore per notte hanno tre volte più possibilità di prendere un raffreddore rispetto a chi riesce a riposarsi di più.

E' quanto emerge da uno studio Usa, che appoggia la teoria secondo cui il sonno ha una importante funzione immunitaria.

Chi trascorre meno tempo a letto, o comunque lo trascorre rigirandosi tra le lenzuola invece di dormire e russare, ha più probabilità di ammalarsi quando i virus entrano nel naso, spiegano i ricercatori.

Chi dorme più a lungo e rumorosamente resiste meglio alle infezioni batteriche, si legge nello studio pubblicato su Archives of Internal Medicine.

"Nonostante la relazione fra sonno e sistema immunitario sia ben documentata, questa è la prima prova che anche disturbi del sonno relativamente secondari possono influenzare la reazione del corpo ai virus", spiega in una nota Sheldon Cohen, che con i suoi colleghi della Carnegie Mellon University di Pittsburgh ha condotto lo studio.

"Fornisce anche un'altra ragione del perché la gente dovrebbe programmare una completa notte di riposo".

Il team di Cohen ha esaminato 153 volontari in salute, chiudendoli in un albergo per cinque giorni dopo averli infettati con un virus del raffreddore.

I volontari erano stati intervistati quotidianamente per le precedenti due settimane per avere dettagli sulle loro abitudini legate al sonno.

Gli uomini e le donne che hanno dormito meno di sette ore a notte in media hanno registrato 2,94 volte di possibilità in più di iniziare a starnutire, ad avere mal di gola e altri sintomi influenzali rispetto a chi ha dormito otto o più ore per notte.

 
<p>Delegati di una conferenza politica a Shanghai dormono durante una cerimonia inaugurale. REUTERS/Aly Song</p>