MotoGp, Kawasaki abbandona le corse per tagliare costi

venerdì 9 gennaio 2009 09:52
 

TOKYO (Reuters) - La scuderia Kawasaki si è ritirata dal MotoGp nell'ambito della strategia della società per ridurre i costi alla luce della crisi economica globale.

Kawasaki Heavy Industries è soltanto l'ultima società giapponese del settore a capitolare dopo che altri tre gruppi del Paese hanno fatto annunci simili il mese scorso.

A causa della crisi economica globale anche Honda si è ritirata dalle corse in Formula Uno e Subaru e Suzuki hanno abbandonato i campionati mondiali di rally.

"Ieri abbiamo preso la decisione definitiva di non continuare (nelle gare del) MotoGp", ha spiegato a Reuters Katsuhiro Sato della Kawasaki. "Si tratta di un progetto che stavamo vagliando da metà dicembre", ha precisato.

"Alla luce dell'attuale situazione economica e fino a quando le cose non miglioreranno è difficile dire se ritorneremo".

La partecipazione di Kawasaki alla prima categoria delle gare di MotoGp -- iniziata nella stagione 2003 -- costa alla scuderia ogni anno circa 4 miliardi di yen (43,8 milioni di dollari).

Il rallentamento nelle vendite di auto e la crisi del credito hanno posto fine alle ambizioni nella Formula Uno di Honda, che ha accumulato soltanto 20 punti nelle ultime due stagioni nonostante un budget di spesa annuale che si stima superi i 300 milioni di dollari.

Suzuki e Subaru hanno fatto la stessa fine, lasciando Citroen e Ford le uniche case produttrici di auto nel campionato mondiale di rally del prossimo anno.

La formazione 2009 di Kawasaki prevedeva il pilota americano John Hopkins e l'italiano Marco Melandri.

 
<p>Il pilota di Kawasaki John Hopkins. REUTERS/Mohammad Youssef</p>