8 gennaio 2009 / 09:11 / 9 anni fa

Esiste la pillola dell'amore? Forse sì

<p>Una coppia al tramontoBazuki Muhammad</p>

di Maggie Fox

WASHINGTON (Reuters) - Esiste una pillola in grado di salvare un matrimonio? Forse si, almeno secondo un ricercatore che sta studiando la chimica del più inafferrabile dei sentimenti: l'amore.

Larry Young, dello Yerkes National Primate Research Center all'Università Emory di Atlanta, ha rivelato che il suo obiettivo finale non è creare una pozione d'amore 'high-tech', ma fare luce su questioni importanti come l'autostima, che influenza la capacità di costruire rapporti sociali.

"Presto i biologi saranno in grado di ricondurre alcune condizioni psicologiche collegate all'amore a delle semplici catene biochimiche di eventi", ha scritto Young sulla pubblicazione scientifica Nature.

Il suo studio, condotto su delle cavie, ha dimostrato che una dose concentrata dell'ormone giusto può alterare drasticamente i rapporti.

I topi di campagna, usati come cavie, sono un ottimo modello delle relazioni umane, ha detto Young. Diversamente dagli altri animali infatti, questi roditori sono monogami, e la coppia cresce i piccoli insieme.

Ma questo comportamento può essere facilmente modificato, ha spiegato lo studioso.

"Si tratta di una reazione chimica. Almeno per quanto riguarda i topi di campagna, se prendi una femmina e la metti a contatto con un maschio, dopo averle somministrato l'ormone ossitocina, essa si legherà a quel maschio", ha spiegato in un'intervista telefonica.

Azzerando i suoi livelli naturali di ossitocina -- ormone coinvolto nel lavoro, nella crescita dei piccoli e nei legami sociali -- la cavia rifiuterà di legarsi al maschio e di accettarlo come compagno, indipendentemente da quante volte si accoppierà con lui.

"Gli esperimenti hanno dimostrato che una dose di ossitocina via naso aumenta la fiducia e mette le persone in sintonia con i sentimenti degli altri", ha scritto Young nell'articolo su Nature.

RELAZIONI MIGLIORI?

"Gli imprenditori che investono su internet stanno già pubblicizzando prodotti come 'Enhanced Liquid Trust', una miscela di ossitocina e ferormoni che ha le sembianze di un profumo e che dovrebbe migliorare la parte della vita adibita a relazioni e appuntamenti", ha scritto.

Young lascia intendere che questo possa avere un potenziale ruolo nel ricostruire un matrimonio in crisi.

"Potrebbe essere utile usare una specie di medicina congiuntamente alla terapia di coppia", ha detto.

Lo scienziato è anche convinto che l'amore non sia riconducibile ad un unico ormone. Altri studi hanno già dimostrato che le variazioni di un gene chiamato complesso di Istocompatibilità, che influenza il sistema immunitario, potrebbero essere coinvolte nell'attrazione sessuale iniziale.

Per i maschi invece, sembra essere più importante l'ormone vasopressina.

Ma è una questione decisamente biologica. "Penso che l'amore negli esseri umani si sviluppi per tenerci insieme", ha detto.

Il che porta a pensare che probabilmente questo sentimento esista anche negli altri animali.

"In qualunque tipo di mammifero, quando la femmina ha dei piccoli, si lega a loro e farebbe di tutto pur di difenderli. E' una reazione chimica del cervello, che stimola l'affetto", ha spiegato.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below