Usa, stagione natalizia 2008 è la più debole dal 1970

martedì 30 dicembre 2008 15:51
 

NEW YORK (Reuters) - Nei giorni precedenti il Natale, la recessione che ha colpito gli Stati Uniti, i forti sconti fatti dai negozianti e il clima invernale si sono fusi in un mix che ha prodotto la peggiore stagione dello shopping delle feste almeno dal 1970.

E' quanto ha reso noto oggi l'International Council of Shopping Centers (Il Consiglio internazionale dei Centri commerciali).

Nella settimana terminata al 27 dicembre, le vendite nelle catene di negozi statunitensi hanno registrato un calo dell'1,8% rispetto allo scorso anno, e dell'1,5% rispetto alla settimana precedente, secondo l'Indice settimanale Icsc-Goldman Sachs delle vendite delle catene di negozi Usa.

Mentre i negozianti hanno ancora a disposizione una settimana prima della fine del mese fiscale di dicembre, Michael Niemira, capo economista di Icsc, ha detto a Reuters: "Non nutro molta speranza per una sorpresa".

"Gli sconti sono davvero notevoli e la domanda invece incerta e discontinua", ha precisato.

Secondo le previsioni di Icsc, le vendite del periodo natalizio -- che comprende novembre e dicembre -- scenderanno dell'1,5-2%. Si tratterebbe della più debole performance da quando Icsc ha cominciato a registrare dati di questo tipo, nel 1969.

 
<p>Usa, stagione natalizia 2008 &egrave; la pi&ugrave; debole dal 1970. REUTERS/Fred Prouser</p>