Cinema, critica tedesca benevola con Cruise per film sul nazismo

martedì 30 dicembre 2008 09:48
 

di Madeline Chambers

BERLINO (Reuters) - Tom Cruise ha superato le aspettative e si è guadagnato il favore della critica tedesca per la sua interpretazione nel film "Operazione Valchiria" dell'ufficiale dell'esercito prussiano che tentò di assassinare Adolf Hitler nel 1944.

I critici tedeschi, inizialmente scettici, hanno espresso pareri favorevoli sulla pellicola, definendola un'opera seria, e Cruise sembra aver superato la prova per chi lo aveva considerato inadatto al ruolo.

"Operazione Valchiria non è scandalosamente brutto e neanche l'evento del secolo. Non è neppure il thriller d'azione che temevamo, ma un film serio e fatto bene", ha detto l'emittente televisiva pubblica Zdf.

"Cruise recita la sua parte in modo deciso, freddo. Una performance solida, anche se non sentiamo odore di Oscar".

L'attore hollywoodiano veste nel film i panni del colonnello Claus Von Stauffenberg, ufficiale che piazzò una ventiquattrore contenente una bomba sotto una scrivania nel quartier generale dell'esercito di Hitler della Prussia orientale, il 20 luglio del 1944.

Il legno spesso del tavolo salvò il Fuhrer, che nell'esplosione riportò soltanto alcune lievi ferite, mentre Stauffenberg fu giustiziato la stessa notte insieme ai suoi complici.

Inizialmente, Cruise in Germania -- dove non è ben visto per la sua appartenenza a Scientology -- non era considerato adatto al ruolo di Stauffenberg. Il figlio dell'ex ufficiale prussiano aveva persino invitato l'attore a "mettere giù le mani da mio padre" e andare a casa.

"Operazione Valchiria" (titolo originale "Valkyrie") è diretto da Bryan Singer ed è arrivato al quarto posto ai botteghini nordamericani nel primo fine settimana dalla sua uscita negli Usa lo scorso 25 dicembre. In Italia l'uscita del film è prevista per il prossimo 30 gennaio.

 
<p>Tom Cruise posa alla prima del film "Valkyrie" a Los Angeles. REUTERS/Mario Anzuoni</p>