December 23, 2008 / 11:41 AM / 9 years ago

Panda della concordia donati dalla Cina arrivano a Taiwan

4 IN. DI LETTURA

<p>Le gabbie dei due panda donati a Taiwan dalla Cina vengono caricati su un camion per raggiungere lo zoo.Nir Elias (CHINA)</p>

CHENGDU, China (Reuters) - Una coppia di panda giganti è partita oggi dalle montagne nebbiose della Cina e ha raggiunto Taiwan, come simbolo di una distensione delle relazioni politiche tra le due nazioni rivali.

Alcuni camion decorati con immagini di panda aspettavano Tuan Tuan e Yuan Yuan, i cui nomi pronunciati insieme significano "uniti", che sono atterrati con un jet all'aeroporto principale di Taiwan con qualche minuto d'anticipo.

I due panda si dirigeranno, scortati dalla polizia, verso lo zoo della città di Taipei, dove si prevede un enorme afflusso di visitatori una volta finito il periodo di quarantena che durerà un mese.

La Cina ha proclamato Taiwan indipendente nel 1949, alla fine della guerra civile cinese, giurando che avrebbe riportato l'isola sotto il suo dominio, anche con la forza se necessario. Ma i rapporti sono migliorati da quando in maggio è stato nominato presidente di Taiwan Ma Ying-jeou, aperto al dialogo con la Cina.

"Questa è la continuazione di una tendenza che è diventata chiara quando Pechino ha intrapreso una politica mirata a conquistare le simpatie di Taiwan", ha detto Lin Chong-pin, professore di studi strategici all'università Tamkang di Taiwan, commentando il regalo mandato dalla Cina.

Pechino, dal 1957, ha donato panda "della concordia" a nove nazioni, tra cui Giappone, Corea del Nord, Stati Uniti e l'ex Unione Sovietica.

La Cina aveva già offerto il dono a Taiwan nel 2006, nel tentativo di distendere i rapporti dopo decenni di tensione, ma l'allora presidente di tendenze anti-cinesi non lo aveva accettato.

"I panda pianteranno i semi della fratellanza e della pace a Taiwan", ha detto Zheng Lizhong, vice capo dell'ufficio per le Relazioni di Taiwan alla cerimonia di addio nella provincia di Sichuan.

I panda si trovano solo allo stato brado in Cina, dove si stanno faticosamente riprendendo dal rischio di estinzione.

Lo zoo di Taiwan, che sarà la loro nuova casa, cercherà di farli accoppiare e potrebbe decidere di rispedire alcuni cuccioli in cerca di cure in Cina, ha riferito il mese scorso un funzionario dello zoo.

Fuori dallo zoo alcuni ambulanti cercano di guadagnare qualcosa vendendo panda di pezza e decorazioni per i cellulari.

Con la fine del periodo di quarantena, circa 30.000 visitatori potranno vedere ogni giorno il recinto simile ad un giardino, del valore di circa 6,7 milioni di euro (300 milioni di dollari di Taiwan), dove staranno i due animali.

La settimana scorsa, Taiwan e la Cina hanno inaugurato una linea di voli diretti tra le due nazioni, nuove rotte marittime e collegamenti postali per la prima volta in sei decenni. La Cina ha anche offerto agli investitori di Taiwan sulla terra ferma un finanziamento di 19 miliardi di dollari per i prossimi tre anni, in un periodo di crisi economica.

Ma molti cittadini di Taiwan preferirebbero che la Cina rimuovesse i missili diretti verso la loro isola e permettesse allo stato di entrare in organizzazioni internazionali come le Nazioni Unite, invece di offrire soldi e animali.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below